Tu sei qui

Aprilia, Dorsoduro e Shiver 900: due anime stesso cuore

ANALISI – Due concetti, motard e naked, sviluppati attorno al medesimo telaio ed al nuovo motore V2 da 900 cc

Moto - News: Aprilia, Dorsoduro e Shiver 900: due anime stesso cuore

Share


La Casa di Noale torna a bomba nel mercato delle naked con due proposte che attingono linfa da concetti che hanno come fulcro la medesima base tecnica, dalla quale però vengono sviluppate destinazioni di utilizzo ed emozionali differenti.
Con la Shiver 900 Aprilia riprende il discorso con un progetto che dal 2007 si è sempre distinto per la grande versatilità e brillantezza nell'uso quotidiano, con la motard Dorsoduro invece si punta a raggiungere caratteristiche ancora più frizzanti rispetto alla precedente versione da 750 e forse più abbordabili se paragonata alla esuberante 1200.

DORSODURO: FUN-BIKE DI CARATTERE – Motard frizzante e dal design carico di grinta, la Dorsoduro è rivolta a chi cerca un mezzo utile nel quotidiano, ma soprattutto dannatamente gasante quando si opta per un tortuoso percorso tutto curve nelle sgroppate domenicali.
I tecnici Aprilia hanno lavorato sulla cubatura del V2 ora a quota 896 cc, da 95,2 CV a 8.750 giri/min, e sulla coppia dichiarata che si attesta sui 9,2 Kgm a 6500 giri/min. I nuovi pistoni hanno pin più leggeri e fianchi riportati per migliorarne la scorrevolezza.
La nuova cilindrata è ottenuta partendo dal 750 al quale è stato aumentato la corsa (da 56,4 mm a 67,4 mm) e lasciando invariato l’alesaggio (92 mm). Questo comporta oltre ad una maggiore potenza anche una erogazione ben irrobustita e più lineare su tutto l'arco di utilizzo. In soldoni: maggiore prontezza in accelerazione e in ripresa, a vantaggio del divertimento nella guida. In quest'ottica va ad inserirsi anche il rapporto finale accorciato (da 16/46 a 15/46)

SHIVER: PIACERE DI COPPIA – La naked si presenta come moto più versatile ed adatta ad essere goduta nel quotidiano, anche in coppia, magari attrezzata per qualche gita fuoriporta. Come per la "Dorso" vede crescere la cilindrata a 896 cc grazie alla corsa rivista per enfatizzare al massimo le doti di spunto e farne un mezzo divertente e facile l. Per la rinnovata naked a Noale dichiarano valori prestazionali identici alla sorella motard: 95,2 a 8.750 giri/min di potenza ed una bella coppia di 9,2 Kgm a 6.500 giri/min di coppia. Per Shiver e Dorsoduro 900 è prevista anche la versione per Patente A2 da 35 KW

CICLISTICA ED ELETTRONICA – Per entrambe le moto cambia e si evolve anche il Ride-by-wire che in questa ultima versione guadagna leggerezza grazie ad una riduzione di peso di 550 g. Arrivano le mappe Sport, Touring e Rain, ed un nuovo (escludibile) Traction Control anch'esso in tre modalità per la gestione dello slittamento. L'intera elettronica è ora affidata ad un nuova e più potente centralina Marelli 7SM. La differenza tra le due unità è sostanzialmente un attenzione verso una maggiore dolcezza di erogazione (e quindi anche sui consumi, dichiarati in 5,3 l per 100 Km) per la Shiver. Rivisto il comando della frizione, che ora necessita del 15% in meno di sforzo alla leva. Sulla Shiver inoltre abbiamo un nuovo doppio scarico con uscita dei gas periferica.

Sul fronte ciclistico segnaliamo, oltre al medesimo telaio  con struttura a traliccio mista a piastre di rinforzo fuse in alluminio, un diverso angolo di sterzo, più chiuso per la Dorsoduro, una nuova forcella Kayaba con steli da 41 mm con escursione da 120 mm per consentire di affrontare in scioltezza i percorsi stradali urbani e di montagna. Diverso il forcellone, più lungo sulla Dorsoduro per una migliore trazione, dato il carattere più deciso della erogazione. Le due piastre di sterzo sono invece simili e realizzate alluminio forgiato. Nuovi sono anche i cerchi a tre razze sdoppiate, oltre 2 Kg più leggeri di quelli che equipaggiavano le versioni da 750 con misure degli pneumatici 120/70 ZR 17 e 180/55 ZR 17. Il peso si attesta sui 189 Kg per la Shiver e 186 Kg per la Dorsoduro.

ACCESSORI E PREZZI- Per le nuove 900 V2 Aprilia dichiara 9.480 euro f.c. per la Dorsoduro e 8.340 euro f.c. per la Shiver. Disponibile un'ampia gamma di accessori dedicati allo sport e al turismo con parti in pregiato carbonio, componenti in alluminio ricavati dal pieno, come cover serbatoio olio freno e frizione, leve freno e frizione, e specchi e gli immancabili tamponi paratelaio e forcella. Oltre a sella comfort e borse laterali per chi voglia fare del turismo a lungo raggio. Non poteva mancare la Aprilia Multimedia Platform, che consente di gestire e condividere molte informazioni: da quelle relative alla guida più sportiva a quelle inerenti il turismo tramite la strumentazione , tutta nuova, con un dashboard già visto su Tuono ed RSV4.

La nostra analisi finisce qui, presto vi racconteremo come vanno su strada le 900 Aprilia Shiver e Dorsoduro.

Articoli che potrebbero interessarti