Tu sei qui

MotoGP, Iannone: falsa partenza? si può cambiare la regola

"Ne ho discusso con Webb e ne parleremo in Safety Commission". Sulla gara ad Austin: "dobbiamo reagire, il potenziale è buono"

MotoGP: Iannone: falsa partenza? si può cambiare la regola

Andrea Iannone vuole dimenticare in fretta l’Argentina e non rimuginare troppo sul passato. “La migliore cosa è dimenticare, sono sfinito da tanta negatività” taglia corto l’abruzzese. La sua gara è stata compromessa dal ride through per partenza anticipata, anche se dopo quello che è successo le cose potrebbero cambiare.

Ne ho parlato con Webb, il Direttore di Gara e anche lui ha capito che non mi ero avvantaggiato - spiega - Il problema è che la fotocellula legge anche il più piccolo movimento, ma spesso la penalità è molto grande per un piccolo errore. Mi ha fatto piacere che ci sia stata disponibilità e ne parleremo qui in Safety Commission, se ci sarà accordo quella regola si potrà cambiare”.

Chiusa la questione regolamentare, Andrea pensa ai risultati in pista.

Dobbiamo reagire - ammette - In questo momento abbiamo un buon potenziale per cui possiamo lottare per le prime 6 o 7 posizioni. Ci sono piste in cui potremo essere più competitivi e altre meno, ma bisognerà sempre portare a caso il massimo”.

A partire dal Texas.

Non so bene cosa aspettarmi dalla moto, non avendola mai guidata qui, per me è sempre tutto nuovo - spiega - Però su questa pista l’anno scorso avevo fatto una bella gara, salendo sul podio”.

Iannone non nasconde che la Suzuki abbia qualche problema e spera di poterci mettere una pezza anche grazie alla gomma anteriore 2016, di cui però dovrà fare a meno sia ad Austin che a Jerez.

Mi piacerebbe capire se potrà darci una mano, viste le tante cadute in Argentina forse anche chi non la voleva ora ha cambiato idea”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti