MotoGP, Abraham: “la Ducati migliore che abbia mai guidato”

Petrucci: “Sto usando una moto con qualcosa di diverso rispetto a Lorenzo e Dovizioso e non sono stupito”

Share


Ci sono ben quattro Ducati nelle prime sei posizioni al termine del venerdì di Rio Hondo. Ma quello che stupisce ancora di più è che nessuna di questa è un’ufficiale. Avete capito bene! Con Dovizioso e Lorenzo fuori dalla top ten, ci hanno pensato Abraham, Bautista, Petrucci e Baz a tenere alti i colori di Borgo Panigale.

Proprio il pilota ceco ha sorpreso, balzando in terza piazza a pochi minuti dal termine della FP2. Non manca la soddisfazione nel suo volto: “La Ducati è sempre stata la moto su misura per me – ha commentato – nel 2011 ero ad un passo dal diventare Rookie of The Year e ora credo che questa sia la migliore che abbia mai guidato. Sono molto felice per il risultato e dobbiamo proseguire il nostro lavoro”.

Fin da subito l’alfiere Aspar ha saputo trovare la giusta confidenza: “Stamani c’era più grip rispetto al pomeriggio, ma siamo comunque riusciti a migliorarci  - ha analizzato – abbiamo iniziato la seconda sessione con la stessa gomma della FP1, lavorando anche sul passo gare e ottenendo buoni tempi”.

Alle sue spalle, il compagno Alvaro Bautista, distante solo 42 millesimi:Sono contento per le sensazioni che ho avvertito – ha spiegato – rispetto al Qatar le condizioni sono più normali. Abbiamo lavorato bene nella mattinata – ha aggiunto - nel pomeriggio ho utilizzato lo pneumatico medio anteriore e le altre soluzioni per capire quale strada seguire in vista della gara. Devo dire che con la dura ho avuto un riscontro positivo, mentre con la media e la morbida accuso troppi movimenti”.

Lo spagnolo sa su cosa dovrà concentrarsi: “Devo cercare di migliorare quando lascio freni e apro il gas – ha analizzato - anche nei curvoni lunghi serve fare qualcosa in più, dato che la moto tende ad andare all’esterno. Bisogna abituarsi, sapendo che si sono aspetti positivi e altri negativi”.   

Dopo il secondo tempo della mattinata, Danilo Petrucci ha archiviato il pomeriggio col quinto tempo a mezzo secondo dalla vetta. Il pilota umbro ha imboccato una strada alternativa: “Sto usando qualcosa di diverso rispetto agli altri piloti Ducati  - ha commentato - sono contento per la mia prestazione, rimanendo costantemente nella top ten senza time attack”.

La prestazione non può che regalargli consapevolezza: “Penso ci sia stata un passo avanti dopo i test – ha aggiunto il pilota Pramac -  in inverno non avevo potuto girare molto e adesso sto prendendo fiducia con la nuova moto. Devo dire che non sono sorpreso per oggi”

A completare il quartetto Ducati quella Avintia di Loris Baz. E pensare che per lui l’inizio di giornata è stato tutt’altro che in discesa: “Purtroppo stamani ho avuto un problema con una delle moto, però non è stato nulla di grave – ha commentato – tra l’altro a Rio Hondo il primo turno è utile più che altro per pulire la pista”. Nel pomeriggio ha invece attaccato: “Abbiamo provato alcune soluzioni e siamo riusciti a ottenere un buon passo con la gomma dura – ha analizzato – in seguito ho utilizzato la morbida come Vinales riuscendo ad essere competitivo. Peccato per l’usura, perché con la hard sarei stato più veloce. Nonstante il mal di stomaco sono entusiasta”.

Articoli che potrebbero interessarti