Tu sei qui

Moto3, Test Jerez: Canet svetta, Fenati insegue

Il pilota spagnolo parte con il piede giusto precedendo l'ascolano. In top ten anche Bastianini (6°) e Bulega (8°)

Moto3: Test Jerez: Canet svetta, Fenati insegue

Share


La rincorsa al titolo 2017 può dirsi ufficialmente aperta, ed a Jerez tutti i giovani piloti della Moto3 affilano gli artigli in vista del debutto in Qatar. Il primo dei tre giorni di test è trascorso, ed i primi importanti dati sono già emersi.

A prendere la leadership di questa prima giornata è stato lo spagnolo del team Estrella Galicia Aron Canet, che dopo un anno di apprendistato nel mondiale lancia il suo guanto di sfida con il tempo di 1’46”465, distante solo due decimi dal tempo che nel 2016 valse la sua prima pole a Nicolò Bulega. In seconda posizione si piazza Romano Fenati, che conclude positivamente una giornata che lo ha visto spesso in testa con un distacco di 0.273 millesimi da Canet. Chiude un’ipotetica prima fila Jorge Martin, che con la sua Honda del team Gresini ferma il cronometro sul tempo di 1’46”906.

In quarta posizione l’ex campione della rookies cup Bo Bendsneyder (+0.597), seguito da Juanfran Guevara (+0.756) e da Enea Bastianini, distanziato dal compagno di squadra in vetta di 0.832 millesimi. Settimo Philipp Oettl (+0.859), che mette alle sue spalle l'alfiere del team Sky Nicolò Bulega (+0.869). Chiudono i migliori dieci John Mcphee ed il rookie of the year 2016 Joan Mir.

Da sottolineare la prova di Marco Bezzecchi, che sfruttando anche la conoscenza della pista maturata nel CEV trova la tredicesima posizione (+1.067) precedendo un altro alfiere dell’academy come Andrea Migno (+1.231). Per quanto riguarda gli altri italiani, diciassettesima piazza per il debuttante del team SIC58 Tony Arbolino (+1.311), mentre delude per ora Niccolò Antonelli in 20esima posizione (+1.320).

In ripresa dall’infortunio alla clavicola, Fabio Di Giannantonio è 24esimo a quasi due secondi dalla vetta, precedendo nella classifica dei talenti italiani Lorenzo Dalla Porta (27° a +2.196) e Manuel Pagliani (29° a +2.779). 

 

Articoli che potrebbero interessarti