Tu sei qui

SBK, Rabbia Melandri: "Lowes pericoloso, corre sopra le righe"

 L'alfiere Yamaha risponde: "Non capisco che problemi abbia, non l'ho toccato. In Gara 2 voglio il mio primo podio con la R1"

SBK: Rabbia Melandri: "Lowes pericoloso, corre sopra le righe"

Non è l’inizio che si aspettava. O meglio, tra tutti i finali possibili questo è il peggiore. Il volto di Marco Melandri è un misto di rabbia e dispiacere. La sua corsa è finita sul più bello, quando era in lotta per il podio, a causa di una manovra di Lowes ritenuta scorretta da parte del ravennate.

Cosa è successo di preciso?   

“Lowes ha cambiato direzione 50 metri prima, senza aspettare. Mi ha portato via l’anteriore e sono finito fuori. Di solito uno cerca di andare più veloce degli avversari per batterli e non di abbatterli. La manovra è stata la stessa di quando Rea ha passato Davies, ma lui ha saputo aspettare”.

Hai detto che non era la prima volta.

“A Donington nel 2014 è successa la stessa cosa, lui è pericoloso, ha un modo di correre un po’ sopra le righe e non se ne rende conto. Facendo così può diventare pericoloso per se stesso e gli altri piloti”.

Che gara ti aspettavi?

“La battaglia rappresentava il  mio punto critico, in particolare al via. Mi serviva un po’ di tempo per riprendere la mano, però i tempi erano buoni. Non volevo far scappare Rea e Sykes, dato che avevano il passo migliore, ma ci riproverò domani”.

In più occasioni sei riuscito a portarti al comando.

“Inizialmente ho cercato di mantenere un ritmo tranquillo, poi si è abbassato. Ho anche tentato di dare uno strappo, però non ci sono riuscito. Magari dovevo insistere, ma queste gomme mai le avevamo utilizzate a simili temperature, addirittura 20 gradi rispetto a ieri. Anche quando provavi a spingere faticavi, tutti avevano paura”.

Cosa ti ha insegnato questo ritorno?

“Niente, queste sono le gare”.

Il tuo sogno era il podio. Cosa ti aspetti per domani?

“Avevo in mente tanti finali, ma non questo, credo sia il peggiore. Domani voglio soltanto vedere la bandiera a scacchi”.

In casa Yamaha Alex Lowes mostra soddisfazione per il suo quarto posto. Quanto accaduto con Marco Melandri lo lascia  però stupito.

“Onestamente non ho capito cosa sia successo, dato che non l’ho toccato. Se ha un problema credo sia suo e non mio”.

Ha detto che sei pericoloso.

“È la sua opinione, quando lo vedo glielo chiederò”.

Tornando alla gara, sei stato vicino a salire sul podio.

“Penso sia stata una corsa entusiasmante, molto combattuta. Era bello combattere per il podio e quello sarà l’obiettivo per domani”.  

Pensavi di essere così veloce?

“Non ho svolto una simulazione gara, però mi aspettavo di essere costante. Mi ha stupito il fatto di essere così vicino alle prime posizioni”.

Cosa c'è da aspettarsi per domani?

“Domani sarà importante fare una bella partenza e riuscire a mantenere il ritmo. Come ho detto, l’obiettivo di domenica sarà quello di ottenere il primo podio con Yamaha”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti