Tu sei qui

MotoGP, Meregalli: "Rossi così indietro? È colpa dell'età"

Maio svela: "Vale era soltanto stanco, ha ceduto fisicamente nel finale", Vinales? "Avevamo un dubbio, ce lo ha tolto"

MotoGP: Meregalli: "Rossi così indietro? È colpa dell'età"

Maverick Vinales e Valentino Rossi rappresentano il doppio volto di casa Yamaha in questi test di Phillip Island. Se lo spagnolo si è dimostrato imprendibile per tutti, il Dottore ha faticato a mantenere il passo del compagno. I tempi al termine della tre giorni parlano chiaro. A scacciare via eventuali preoccupazioni per il 46 ci ha pensato Maio Meregalli.

Maverick ha impressionato ancora una volta.  

“Su Vinales avevamo il dubbio del passo gara, dato che ci siamo sempre concentrati sul giro secco. Le simulazioni che abbiamo svolto qua in Australia ci hanno tolto ogni tipo di dubbio, in particolare per quanto riguarda la seconda parte di gara, dove abbiamo sofferto in passato”.

Il telaio siete riusciti a definirlo?

“Purtroppo è uno degli aspetti su cui c’è ancora un dubbio. Pensavamo di lasciare Phillip Island con una decisione invece a l’abbiamo rimandata a Losail”.

Che riscontro avete ottenuto dalle gomme?

“La posteriore non ha dato nessun miglioramento, mentre qualcosa in più per quanto riguarda l’anteriore”.

Valentino è sembrato in difficoltà. Risolto un problema se ne presentava subito un altro.

“Più che altro stanco. Ha lavorato su diversi setting per salvaguardare il posteriore e alla fine ha ceduto, si è fatta sentire l’età (dice scherzando)”.

Questa è una pista particolare. Vi aspettavate Vinales così veloce?

“Direi di sì, perché fin da Valencia ha dimostrato di essere veloce. La cosa impressionante è il breve arco di tempo che hai impegnato per abituarsi alla nostra moto”.

Quanto vi preoccupa la situazione di Rossi?

“Vale non ci preoccupa, ha provato tantissime cose e alla fine alcune hanno funzionato, era solo stanco fisicamente”.

Rossi così arretrato è un campanello d’allarme da non sottovalutare.

“Più che altro questo è un tracciato particolare, dove ogni cosa che si prova si addice soltanto a questa pista. L’unico dispiacere è il telaio, perché nel complesso siamo soddisfatti, dato che siamo riusciti a essere veloci nel giro secco e anche con gomme usate. Maverick ci ha tolto ogni peso sulle spalle”.

Maio, al momento la sensazione è che l’unico pilota in grado di mettere in difficoltà Marquez sia Vinales. E’ vero?

“Il Campionato inizia il 26 marzo”.

Articoli che potrebbero interessarti