Tu sei qui

Trieb (KTM): "le MotoGP sono troppo potenti"

Rischio decollo senza ali: "Al Mugello si superano i 350 Km/h. Fra un paio d'anni si dovrà limitare l'aspirazione"

Trieb (KTM): "le MotoGP sono troppo potenti"

Share


I progettisti delle MotoGP avranno un problema in più da affrontare il prossimo anno: la tendenza ad impennare dei loro prototipi.

Con una potenza che ha ormai raggiunto i 280 cv e si avvicina al limite teorico dei 300, addolcita solo dall’elettronica, gli ingegneri dovranno fare i conti con le leggi della fisica e dell’aerodinamica, visto che i 350 Km/h ed oltre raggiungibili dagli attuali mostri 1000 di cilindrata sono una velocità da decollo.

Deportanza dove sei, dove ti possiamo trovare? E’ il mantra di questo inverno. Cosa accadrà infatti la prossima stagione, per esempio, nello scollino del rettilineo del Mugello? Già nei test di fine anno a Valencia infatti i piloti si sono lamentati del fatto che, ormai, la ruota anteriore tocca e non tocca, rendendo particolarmente insidiose le frenate.

Forse aveva ragione Kurt Trieb, il progettista del motore V4 della KTM che recente al debutto in Austria ha dichiarato: “Al Mugello si va oltre i 350 chilometri all’ora. Forse entro un paio di anni sarà inserita una limitazione sull’aspirazione. Potenze e velocità attuali non mi rendono felicie, se avessero chiesto a me che tipo di motore usare per la MotoGP io avrei detto un prototipo di 600 cc di cilindrata, aspirato, con elettronica molto limitata. Sarebbe stato interessante. Non fraintendetemi: mi è piaciuto progettare il motore della RC16, ma secondo me le MotoGP attuali hanno troppi cavalli”.

Articoli che potrebbero interessarti