Tu sei qui

Honda CRF250L my2017

Eicma 2016 - Più coppia, più potenza e tanti piccoli particolari aggiornati

Honda CRF250L my2017

A Eicma 2016 Honda presenta la nuova CRF250L, enduro che ora vanta un nuovo look che si rifà a quello della specialistica CRF450R. La moto tuttofare ora ha un motore con più coppia e potenza rispetto al modello precedente grazie ai sistemi di aspirazione e scarico riprogettati. Il 2017 porta poi una nuova strumentazione aggiornata (con contagiri) e l’omologazione Euro4. Ora l’ABS, a due canali, è di serie.

STILE... DA GRANDE - La CRF250L vanta sovrastrutture snelle proprio come la sorellona da 450 (CRF-R), con tanto di sella prolungata fin sopra al serbatoio. Ora abbiamo il nuovo cruscotto digitale che comprende il contagiri a barre, oltre al tachimetro, all’indicatore del livello benzina e all’orologio. Il nuovo design della coda, composta dallo slanciato parafango, dalla nuova luce posteriore con indicatori di direzione più piccoli e dal portatarga minimalista, conferisce al look della moto più grinta rispetto a prima. Il serbatoio della benzina è leggermente più grande, ora da 7,8 litri (compresa la riserva di 1,8 litri) e grazie all’efficienza migliorata, il consumo medio è dichiarato in 33,3 Km/l nel ciclo medio WMTC (oltre 250 Km con un pieno di carburante). L’unica colorazione disponibile per la CRF250L 2017 è l’evocativo Extreme Red.

CICLISTICA - Il telaio è in acciaio ed è composto da due travi discendenti (a sezione ovale) e da una semi-doppia culla inferiore. La sella è posta a 875 mm ed il peso con il pieno è di 146 Kg. La forcella Showa a steli rovesciati da 43 mm prevede lo smorzamento elastico su un lato e quello idraulico sull’altro. L’ammortizzatore posteriore è con leveraggio Pro-Link ed il forcellone è di tipo pressofuso monoblocco in alluminio. Il freno anteriore prevede un disco wave da 256 mm con pinza a due pistoncini, mentre il freno posteriore è dotato di un disco wave da 220 mm morso da una pinza a singolo pistoncino. L’ABS a due canali è di serie. I cerchi sono in alluminio con raggi in acciaio e misurano 21” all’anteriore e 18” al posteriore. Il pedale del cambio è con snodo pieghevole.

PIU' POTENZA - Il motore è sempre il monocilindrico bialbero (DOHC) a 4 valvole da 250 cc con raffreddamento a liquido. La potenza massima è ora pari a 24,8 CV a 8.500 giri/min, mentre la coppia massima è di 22,6 Nm a 6.750 giri/min. Le prestazioni migliorate derivano dalle novità relative ad aspirazione, alimentazione e scarico. Il sistema di iniezione elettronica PGM-FI prevede un nuovo corpo farfallato da 38 mm (era da 36 mm sul modello precedente) che riceve l’aria da un airbox dotato di condotto diretto. Il terminale di scarico ha diametro di 115 mm e prevede due camere per un ottimale silenziamento senza sacrificio per la piacevolezza del sound. Ospita il catalizzatore e si avvale di un collettore maggiorato che permette al motore di "respirare" in modo più efficiente, aumentandone il “tiro” a tutti i regimi. C’è un vantaggio anche in termini di peso, dato che l’impianto pesa 450 grammi meno del precedente. Il motore della CRF250L sfrutta poi un bilanciere a rullo per la distribuzione. Per ridurre le perdite interne dovute all'attrito, il cilindro è di tipo disassato e il pistone è realizzato con un materiale speciale e un rivestimento al molibdeno. La pompa dell'olio è dotata di una struttura di sfiato interna che impedisce l'aerazione dell'olio non in pressione. L'impianto di raffreddamento utilizza un radiatore ad alta efficienza da 10,7 kW, montato sul lato sinistro della moto e protetto da una griglia in polipropilene con convogliatore d’aria per garantire un cospicuo flusso d'aria ad ogni andatura. La nuova CRF250L 2017 è omologata Euro 4.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti