Tu sei qui

SBK, SS, FP: Sofuoglu e Krummenacher dominatori in Qatar

La coppia Kawasaki Puccetti conferma la supremazia fino ad oggi manifestata, ottimi Badovini e Baldolini in FP2

SS, FP: Sofuoglu e Krummenacher dominatori in Qatar

Share


Kenan Sofuoglu nella FP1 e Randy Krummenacher nella FP2: ecco il dominio della coppia Kawasaki del team Puccetti che, anche nel buio di Losail, ha messo in luce le proprie doti di guida e delle ZX6R di Akashi.

Il turco, che ha già archiviato la pratica titolo mondiale a Jerez, nella prima sessione cronometrata ha siglato il miglior tempo in sella ad una moto tinta di rosso, in onore al suo Paese, come avevamo anticipato qualche giorno fa. Il suo 2’03”403 è risultato inarrivabile per tutti, PJ Jacobsen con la Honda CBR ha concluso le prove con il secondo tempo ed un gap di due decimi dal campione in carica. Terza prestazione per Julies Cluzel con la MV Agusta 675 e, dopo il francese, Kyle Smith e Ayrton Badovini con due Honda CBR.

Dopo Krummenacher, settimo, altri due italiani: Federico Caricasulo è in ottava posizione nei tempi e Lorenzo Zanetti in nona. Roberto Rolfo con la MV del team Vamag ha finito le prove undicesimo, prima di Gamarino con la Kawasaki ZX6R. Massimo Roccoli, con la MV Agusta, ha concluso il suo turno con il quindicesimo tempo.

Nella seconda sessione Supersport di giornata, lo svizzero Randy Krummenacher è stato il più veloce di tutti, dimostrando come la sua seconda posizione in campionato non sia casuale ma non definitiva: il pilota elvetico del team Puccetti ha solo 3 punti in più di Julies Cluzel e domenica dovrà difendere la sua posizione nella classifica finale. Il suo tempo di oggi, 2’01”986, sette decimi in meno del secondo di Badovini, lo possono momentaneamente tranquillizzare.

Dopo Ayrton con la Honda, Alex Baldolini con la MV F3 che, dopo l’infortunio e relativa convalescenza, ha ritrovato il ritmo in Qatar. Quarto e quinto tempo per Jacobsen e Smith con le Honda, sesto a quasi un secondo da Krummenacher, Kenan Sofuoglu; ma il turco, c’è da giurarci, nella Superpole di domani cercherà il miglior tempo.

Settimo tempo per Michael Canducci in sella alla MV Agusta, dopo il promettente pilota azzurro, ci sono il francese Cluzel e lo svedese Bergman. Dalla posizione numero undici a quella numero quattordici quattro italiani si sono fatti valere nel deserto di Doha: Gamarino, Zanetti, Rolfo e Caricasulo hanno portato le loro Kawasaki, MV e Honda non così lontano dalle prime della classe.

  

 

 

Articoli che potrebbero interessarti