Tu sei qui

Asta KISS Misano: 50mila euro per i terremotati

Concluso l'evento benefico: il pezzo forte la R1 autografata da Rossi battuta a 41mila euro

Asta KISS Misano: 50mila euro per i terremotati

Share


Passione e generosità: sono gli ingredienti dell’asta di beneficenza che si è chiusa nei giorni scorsi sulla piattaforma online CharityStars in favore delle popolazioni colpite dal terremoto in Centro Italia. L’asta è un’iniziativa di KiSS Misano-Keep it Shiny and Sustainable, il programma per la promozione della sostenibilità sociale e ambientale promosso da Misano World Circuit al Gran Premio TIM San Marino e Riviera di Rimini che si è corso l’11 settembre 2016 sul tracciato intitolato a Marco Simoncelli.
 
L’asta ha permesso di raccogliere quasi 50mila euro (47.089 euro, al lordo della commissione da riconoscere a CharityStars), che sono stati versati su un conto corrente dedicato, appositamente aperto dalla Regione Emilia-Romagna e intestato alla Protezione Civile dell’Emilia-Romagna.

Per quindici giorni (l’asta è partita il 13 settembre e si è chiusa il 28 settembre) i visitatori hanno potuto fare le loro offerte su oltre una ventina fra cimeli e oggetti firmati, generosamente donati dai Team e dai piloti delle tre classi del motomondiale (MotoGP, Moto2, Moto3) e da altri attori del motomondiale.

Buona parte degli oggetti posti all’asta sono stati aggiudicati. Gli altri oggetti, tra cui due cupolini della YZR-M1 2016 #46 e #99 firmati rispettivamente da Valentino Rossi e Jorge Lorenzo e due carene complete Sky Racing Team VR46 con la speciale livrea “Faster than light” realizzata dalla street artist Laurina Paperina, saranno messi all’asta nelle prossime settimane, sempre a favore delle popolazioni terremotate.
 
La YZF-R1 2016 in livrea replica “Movistar Yamaha MotoGP 2016” #46 con adesivo KiSS Misano (pezzo unico, non in commercio), firmata da Valentino Rossi, è stata il pezzo forte dell’asta: con un valore di base d’asta di 25.000 euro, è stata aggiudicata per 41.000 euro dopo una “battaglia” di 8 offerte. Donata da Yamaha Motor Europe – Filiale Italia, verrà consegnata presso la sede di Yamaha Motor Racing a Gerno di Lesmo (MB).

Donata dal Team Suzuki Ecstar, la parte posteriore della moto di Maverick Viñales #25, con autografo del pilota, è stata aggiudicata per 1.350 euro, dopo 9 offerte.

Ha riscosso interesse anche l’handy banner (pannello), donato da Right Hub, appositamente realizzato per il programma KiSS Misano (pezzo unico, non in commercio) e autografato dagli otto piloti della The Riders’ Land: Andrea Dovizioso, Luca Marini, Mattia Pasini, Enea Bastianini, Nicolò Bulega, Andrea Migno, Niccolò Antonelli e Valentino Rossi. Il pannello è stato aggiudicato per 800 euro.

Il cupolino e le fiancate della moto del pilota Sandro Cortese #11 (Dynavolt Intact GP Team, Moto2), danneggiati a seguito di una caduta e autografati, sono stati aggiudicati per 800 euro.

Un paio di guanti da gara del pilota Alex Rins #42 (Paginas Amarillias HP 40 Team, Moto2) sono stati aggiudicati per 500 euro.

La carena danneggiata a seguito di una caduta durante il Gran Premio di Silverstone 2016 del pilota Loris Baz, autografata dallo stesso Loris Baz e da Héctor Barberá (Avintia Racing Team, MotoGP), è stata aggiudicata per 470 euro.

Il libro celebrativo del centenario 1904-2004 della FIM (Federazione Internazionale di Motociclismo), edizione limitata non in commercio, è stato aggiudicato per 300 euro.
 
Oltre all’asta benefica, KiSS Misano nel week-end del Gran Premio ha previsto numerose altre iniziative sociali. La Pit Walk, in cui associazioni non profit locali coi loro ospiti e assistiti hanno effettuato una “passeggiata solidale” sulla pit lane visitando i box e intrattenendosi coi responsabili dei Team. La donazione alla Fondazione Marco Simoncelli da parte di CWS-boco Italia, una delle aziende supporter di KiSS Misano, di 500 T-Shirt con una speciale grafica «58» creata dallo studio Drudi Performance di Aldo Drudi (il disegnatore delle famose grafiche dei caschi di Valentino Rossi) da destinare a iniziative di raccolta fondi.
 

Articoli che potrebbero interessarti