Tu sei qui

MotoGP, P. Espargarò: "Ho guidato come al solito, ma sono primo"

"La reazione di Vale è stata eccessiva, anche tra Vinales e Pedrosa è successa la stessa cosa"

P. Espargarò: "Ho guidato come al solito, ma sono primo"

di Gianmaria Rosati

Non sono mancate le sorprese in questo venerdì di Misano. In pochi si sarebbero aspettati di vedere Pol Espargarò in cima alla classifica dei tempi, eppure lo spagnolo del team Tech 3, dopo aver colto un’ottima seconda posizione nel turno mattutino, ha messo tutti in fila nel pomeriggio. Il tutto, occorre ricordarlo, nemmeno sette giorni dopo il terribile incidente di Silverstone.

Inizio migliore non poteva esserci. Come ti senti? 

E’ una situazione abbastanza strana. Guidando le due sessioni di solito sono intorno alla decima posizione, mentre oggi sono stato il migliore. Non so bene il perché, ma qui Misano mi sento davvero a mio agio sia con il tracciato che con la moto. Forse è merito delle Michelin, ma soprattutto credo sia una conseguenza del nostro grande lavoro. Con la gomma dura all’anteriore riesco ad essere veloce sia sulla durata che sul giro secco senza andare oltre il limite, ed anche questo è abbastanza strano”.  

L’incidente di Silverstone non ti ha scalfito, anzi. 

“Per fortuna non ho riportato infortuni particolari, solo un lieve male alla gamba che in moto nemmeno avverto. Dell’incidente sinceramente non ho una visione perfetta, ricordo solo che mi trovavo in mezzo tra Baz e Petrucci con quest’ultimo leggermente più avanti. Ho provato a passare Danilo e, prima che lui si accorgesse, mi ero già inserito all’interno, toccandomi per poi finire a terra. Fortunatamente non è successo nulla di grave, dato che Loris ha riportato un infortunio tutto sommato lieve in relazione all’incidente ed io sto bene”.          

Quale combinazione di pneumatici ti ha permesso di essere così veloce? 

“Nella mattinata abbiamo usato la mescola più morbida, mentre al pomeriggio siamo partiti con la dura sia davanti che dietro. Dopo pochi giri però sono tornato a montare la soft utilizzata in FP1 al posteriore, perché con hard la confidenza era presso che nulla. Penso che la combinazione morbida – dura sia stata positiva, a tal punto da essere la scelta giusta anche per la gara”.                                       

Qual è la tua opinione sulla questione riguardante tuo fratello e Valentino? 

“La presenza di un pilota lento in traiettoria può diventare un ostacolo per gli altri, questo è un problema di dovremo discuterne in safety commission. Valentino ha senza dubbio trovato un ostacolo in Aleix, ma la sua reazione credo sia stata eccessiva. E’ accaduta la stessa cosa tra Vinales e Pedrosa, ma non c’è stato un litigio simile tra loro”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti