Tu sei qui

MotoGP, Test a Sepang salvati... dalla carta assorbente

Qualche problema con il nuovo asfalto. Pirro con la Ducati ha completato una simulazione di gara, in pista anche Crutchlow ed Edwards

Test a Sepang salvati... dalla carta assorbente

I test a Sepang si sono conclusi anche se con qualche problema. Sulla pista malese c’erano Michele Pirro per Ducati, Cal Crutchlow per Honda e Colin Edwards per Yamaha, per tutti il primo obiettivo era dare informazioni utili a Michelin in vista del GP di ottobre.

Come ieri, il nuovo asfalto ha mostrato alcune pecche perché alcune zone della pista faticano ad asciugarsi in seguito alla pioggia. Il guaio è che l’acqua trasuda dal basso e per risolvere l’inconveniente si è fatto ricorso a un metodo non troppo elegante né tecnologico, ma che ha funzionato: la carta assorbente.

I test sono finiti e sono andati bene - ci racconta Pirro dalla Malesia - Anche questa mattina c’è stato il problema delle chiazze di umido, sopratutto alla curva 9. Con della carta, piano piano, siamo riusciti ad assorbire l’acqua e da metà giornata in poi la pista era completamente asciutta, anche se sporca”.

I tre piloti hanno così potuto completare il programma previsto per i test.

“Siamo riusciti a portare a termine il lavoro per Michelin - conferma Michele - Ho fatto circa 80 giri e anche una simulazione di gara per raccogliere tutte le informazioni che servivano per non avere sorprese nel Gran Premio”.

Il collaudatore Ducati è stato l’unico a portare a termine un long run, mentre Colin si è fermato a 14 giri consecutivi e Cal si è concentrato su uscite più brevi. Per quanto riguarda i tempi, si parla di prestazioni intorno ai 2’02” basso, con Pirro e Crutchlow più veloci di qualche decimo rispetto a Edwards.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti