Tu sei qui

MotoGP, Domenicali: Lorenzo darà a Ducati quello che le manca

"La vittoria è molto vicina, c'è qualche rammarico. Stoner? Felice di fare il tester, non abbiamo parlato di wild card"

Domenicali: Lorenzo darà a Ducati quello che le manca

Il cuore della Ducati è rosso”, con queste parole Claudio Domenicali, Ceo dell’azienda, presenta il WDW che, giunto alla sua nona edizione, si presenta con numeri da record, “abbiamo già venduto 50% biglietti in più in prevendita”.

La scelta di Misano, un circuito, come teatro dell’evento non è casuale e su quell’asfalto non solo gli appassionati, ma anche un certo Casey Stoner si è dilettato, in un test qualche giorno fa.

Allora parlare di MotoGP e della vittoria che ancora manca è impossibile.

Stiamo investendo nel mondo delle gare più che mai sia dal punto di vista tecnologico che sportivo, anche se la fortuna non ci ha assistito - sottolinea il manager - Non esserci riusciti ancora a vincere è un ‘certa’ delusione, non so dire quanto grande o piccola. Non tanto perché non siamo stai in grado di realizzarla, ma perché ci siamo andati vicini molte volte. Il potenziale l’abbiamo, ma abbiamo sprecato delle occasioni e per questo c’è rammarico”.

C’è chi dice che basterebbe convincere Stoner a fare una gara per riuscirci…

“Non è così semplice, Casey è fortissimo ma non è più in attività - spiega Domenicali - Dovrebbe confrontarsi con chi è abituato a correre ogni due settimane e i campioni della MotoGP non hanno meno talento di lui. Stoner vuole fare il collaudatore e ci sta aiutando, anche qui negli scorsi giorni. Ci siamo confrontati con lui, abbiamo parlato molto, ma non di una wild card”.

Se l’Australia è un sogno, la Spagna è il futuro prossimo, con l’arrivo di Lorenzo.

Cosa mi aspetto da Jorge? Che porti la sua esperienza e il suo talento per permetterci di fare un altro passo in avanti. Come ho detto, in molte gare siamo stati molto vicini alla vittoria, ci basterebbe poco di più. Lorenzo aiuterà Gigi (Dall’Igna ndr) a sviluppare la moto e migliorare quei piccoli particolari che non sono ancora al 100%. Poi ci metterà del suo e questo ci renderà di sicuro più competitivi”.

In attesa dei successi in pista, Ducati si gode quelli commerciali. Il brand è in espansione, a partire dai mercati indiano, brasiliano e cinese e “nei prima 6 mesi di quest’anno, in un mercato mondiale sostanzialmente piatto, noi siamo in crescita del 7%” dice con orgoglio il Ceo.

La prossima novità, in arrivo nel 2017, è stato svelata agli appassionati proprio al WDW: è la nuova Supersport.

Sarà presentata ufficialmente al Salone di Milano - spiega - E’ una sportiva stradale, non estrema e con il motore 936, molto accessibile sia per peso, che ergonomia che prezzo ma senza rinunce.

E’ l’ultima scommessa dopo la Scrambler (venduta in 27 mila esemplari che ha permesso ha Ducati di raggiungere le 54mila moto lo scorso anno) e l’ingresso nel mondo dell’enduro.

Rimane un solo dubbio: questa sera Ducati chi tiferà fra Italia e Germania?

Siamo italiani con azionista tedesco ma abbiamo la bandiera italiana sulle moto, vi lascio alle vostre deduzioni” risponde con una risata Domenicali.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti