Tu sei qui

MotoGP, Pernat: Rossi e Dovizioso, due errori clamorosi

"La direzione gara ha commesso un grave errore, la corsa doveva essere fermata due giri prima della bandiera rossa"

Pernat: Rossi e Dovizioso, due errori clamorosi

Share


Pioggia, gomme, cadute, bandiera rossa. Non è mancato davvero nulla nel thriller di Assen, che ha regalato il primo storico successo in carriera della classe regina a Jack Miller. Alle sue spalle Marc Marquez porta a casa venti punti che valgono doppi, precedendo Scott Redding. Soltanto decimo Jorge Lorenzo, sempre in difficoltà per tutto il weekend, mentre Rossi e Dovizioso escono di scena sul più bello. Ecco tutto quello che è successo nel round olandese secondo l’occhio attento di Carlo Pernat.

E’ successo davvero di tutto in Olanda.

“Un Gran Premio allucinante sotto ogni punto di vista, sia da quello meteorologico che sportivo. La gara doveva essere fermata due giri prima della bandiera rossa, dato che i piloti non ci vedevano più, inoltre la pista era allagata. Penso sia un errore clamoroso, soprattutto dopo quanto accaduto tre settimane fa a Barcellona con la scomparsa di Salom. Per fortuna è andata bene così”.

Marquez non ha rischiato e questo secondo posto vale quanto una vittoria.

“Le difficoltà hanno condizionato i piloti, ma Marquez ha fatto tesoro delle cadute, imparando ad accontentarsi. Con oltre 40 punti di vantaggio sarà dura batterlo in ottica Mondiale”.

Un’occasione sprecata per Rossi e Dovizioso.

Un clamoroso errore quello di Valentino e Andrea, che sono andati molto più forti del dovuto. Se è spiegabile la caduta del Dovi, dato che poteva regalare la vittoria a Ducati dopo l’ultima di Stoner, quella di Rossi è inspiegabile. Nel momento in cui ti giochi il titolo, un simile errore ti porta il terzo zero. Uno sbaglio mai fatto da lui prima d’ora”.

Un weekend nero per Jorge Lorenzo.

Allucinante Lorenzo, sembra non sia in grado di correre sopra i problemi, sono già due gare che è in difficoltà. Ad Assen sembrava un principiante. Nel momento in cui non è a posto con la moto è sempre in crisi. Credo sia necessario rifletterci per la sua carriera, anche se poi si rifarà. Un pilota che non è capace di andare oltre i problemi non è comunque da lui”.

Nonostante l’ultima fila Iannone è riuscito a riscattarsi.

“Punto positivo per Iannone dopo la partenza dal fondo. Ha dimostrato di avere del talento anche sul bagnato. Peccato per Petrucci, tanta sfortuna, poteva giocarsi qualcosa di importante ad Assen, ma sarà per la prossima volta”.

Articoli che potrebbero interessarti