Tu sei qui

MotoGP, "Stoner? dormiva in un bus, gli regalai un telefono"

VIDEO. Lucio Cecchinello sulla GPOneCar: "Suzuki? prima voglio conoscere i piani di Honda. Fra i giovanissimi mi piace Bulega"

MotoGP, "Stoner? dormiva in un bus, gli regalai un telefono"

Lucio Cecchinello compie in questa stagione i suoi primi 20 anni da team manager. LCR è una delle squadre satellite di riferimento in MotoGP, un’avventura iniziata tanto tempo fa che Lucio porta avanti con fatica e passione.

E’ molto difficile trovare i soldi per correre ed è molto facile fare arrabbiare gli sponsor” scherza ospite sulla nostra GPOneCar al Mugello.

Il suo rapporto con Honda è di lunga data ma voci nel paddock parlano di contatti con Suzuki per la prossima stagione.

Ho parlato con Davide Brivio  in maniera informale e gli ho detto la verità: qualsiasi considerazione più approfondita la vorrei fare dopo avere conosciuto i programmi di Honda per il 2017”, spiega.

Parlando di futuro, gli abbiamo chiesto anche chi sia il giovane più interessante.

E’ ancora presto, ma mi piace Nicolò Bulega”, la risposta.

Del resto, Lucio lanciò un grande talento come Stoner, famoso anche per il suo carattere facilmente infiammabile.

Quando un pilota esprime il suo dissenso in maniera così plateale, ti fa capire la voglia che ha di vincere - racconta - Casey se non era primo, era sempre arrabbiato”.

Aneddoti sul Canguro, ne ha molti, come quella volta che gli regalò un telefono…

“Lui dormiva in un vecchio autobus nel cortile della casa di campagna di Puig, incominciammo a parlare del contratto e aveva bisogno di ricontattarlo, ma non aveva neppure un telefono e gli diedi il mio”, svela.

E’ solo una delle storie del motociclismo, guardate la nostra intervista per saperne di più.

GUARDA IL VIDEO

Articoli che potrebbero interessarti