Tu sei qui

SBK, SS: Cluzel mette tutti in riga

Gran pole position per il francese che regola il campione Sofuoglu e l’americano Jacobsen

SS: Cluzel mette tutti in riga

Share


Weekend imolese che entra nel vivo anche per i ragazzi della Supersport 600, la più piccola delle cilindrate in pista ma anche quella più spettacolare.

Dopo prove libere dominate da Kenan Sofuoglu con la sua Kawasaki ZX-6R, la Superpole del sabato ha proposto temi già noti e novità molto gradite, soprattutto per il pubblico italiano che può contare su giovani talenti dal roseo futuro.

La Superpole 1, che molti ritengono abbia un ruolo di “scrematura” tra piloti lenti e veloci, ha messo in mostra ragazzi emergenti come Axel Bassani con la Kawasaki San Carlo, Christian Gamarino sempre su una ZX-6R ed il già esperto Alex Baldolini con la MV F3 Agusta.

Roberto Rolfo, espertissimo e veloce, ha condotto in testa gran parte della  Superpole 1 guidando la sua Agusta da veterano, pulito e preciso, imitato dallo spagnolo Nico Terol con la gialla F3 con un ottimo crono ma giusto all’ultimo istante salta fuori il malese Khairuddin che regola tutti con Baldolini secondo. E sono proprio questi due ad avere accesso alla Superpole 2, quella dei più veloci.

Tra i più veloci, appunto, ecco i nomi nuovi dal vivaio italiano: Federico Caricasulo, con sua gialla CBR600, è stato già sul podio in Australia e qui ad Imola sta dimostrando qualità di guida eccelse.

Alex Zaccone, ieri autore di un gran secondo tempo, e già ad Aragon aveva sfiorato il podio con la Kawasaki San Carlo.

Giovani ragazzi che stanno misurandosi con uomini del calibro di Kenan Sofuoglu, pluri-iridato in Supersport, Julies Cluzel, con un passato nel Motomondiale e nella SBK e Randy Krummenacher, lo svizzero ex Moto2 ed attuale leader in classifica mondiale.

Sentire e vedere le Supersport da bordo pista ci ha dato la possibilità di notare i vari stili di guida dei piloti ed il comportamento delle loro moto: Julies Cluzel ama frenare omogeneo, tenere il motore alto di giri e far voltare con un disegno rotondo la sua MV F3, in perfetto stile 250 2 tempi dove egli corse con ottimi risultati.

L’americano PJ Jacobsen violenta la sua Honda in frenata con sbandate ripetute e gamba in fuori, come ha imparato in molti anni di dirt-track su sabbia, specialità USA.

Krummenacher guida la Kawasaki Supersport esattamente come guidava la Moto2: costante derapata in ingresso e sollevamento repentino della moto in uscita.

A fine turno è il francese Julies Cluzel il più veloce di tutti, che regala al suo team una bellissima pole nella gara di casa. Leggermente staccato Kenan Sofuoglu, ma di soli 189 millesimi e a chiudere la prima fila Jacobsen del team Ten Kate.

Il primo italiano è stato Lorenzo Zanetti con la MV gemella di Cluzel, attardato di circa 7 decimi.

Dodicesimo tempo per Zaccone, a più di un secondo dalla pole. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Articoli che potrebbero interessarti