Tu sei qui

MotoGP, Marquez in attesa di risposte a Jerez

VIDEO. "Dobbiamo aspettare e gestire la situazione". Pedrosa: "voglio ripartire dalle buone sensazioni di Austin"

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Marc Marquez ha iniziato il 2016 come meglio non poteva, cancellando gara dopo gara tutti i dubbi dell’inverno. E’ il pilota che ha sbagliato meno e vinto di più (2 gare sulle 3 disputate), anche se probabilmente non è quello con la migliore moto.

E’ stato lo spagnolo a fare la differenza e a sfruttare i punti forza di una Honda non ancora al massimo della forma, come dimostrano i risultati degli altri piloti. Allo stesso tempo, il piccolo diavolo è consapevole che in Europa le cose potrebbero cambiare e deve prepararsi al contrattacco.

Sono felice di arrivare a Jerez con un piccolo vantaggio in classifica perché penso che i rivali saranno molto forti su quella pista - riflette - Sono anche contento del lavoro che abbiamo portato avanti con Honda e la mia squadra, siamo riusciti a migliorare passo dopo passo a ogni gara. In Qatar abbiamo trovato un buon setup di base e, in Argentina e Texas, siamo riusciti a migliorarlo in alcune aree, come il freno motore e l’elettronica. Comunque, c’è ancora lavoro da fare e margine per migliorare, specialmente in accelerazione”.

Così Jerez sarà un banco prova importante per capire quali sono realmente i livelli in campo in questo momento della stagione.

In Europa le piste sono diverse, più strette e con un differente asfalto, perciò dobbiamo aspettare e vedere come poter gestire la situazione - continua - Naturalmente, mi piace tornare in Spagna dopo tre gare oltreoceano, correre davanti ai miei tifosi mi darà una motivazione extra”.

Jerez sarà un appuntamento importante anche per Dani Pedrosa, che per un errore ha vanificato i progressi fatti vedere ad Austin. Serve concretizzare un risultato, sempre utile per il morale, e la pista spagnola è quanto mai adatta per provarci.

Jerez è uno dei miei circuiti preferiti e mi è mancato molto non correrci lo scorso anno - ricorda - Darò il massimo, iniziando il fine settimana con un buon atteggiamento dopo le sensazioni positive della scorsa gara. Credo che in Texas avrei potuto lottare per il secondo posto, perciò devo partire da lì il venerdì”.

Articoli che potrebbero interessarti