Tu sei qui

SBK, De Angelis: Partire dalla SP1 potrebbe essere un vantaggio

Savadori: "Non pensavamo di essere così veloci sul bagnato,  l'obiettivo è centrato"

De Angelis: Partire dalla SP1 potrebbe essere un vantaggio

Share


Il venerdì di Assen ha visto l’acqua giocare un ruolo chiave. Le condizioni meteo hanno infatti reso la strada in salita ai protagonisti della SBK, tanto che non sono mancate le cadute. Scendere in pista con la pioggia è stata una novità per i due alfieri Iodaracing, chiamati a compiere passi avanti in sella all’Aprilia.

Una giornata dal doppio volto con De Angelis sfortunato a cadere a terra in FP2, condizionando così la prestazione. Nessuna conseguenza però per il sanmarinese: “Non eravamo mai riusciti prima di oggi a provare in queste condizioni – ha dichiarato -  abbiamo iniziato col piede giusto, nel secondo turno non stavo andando male, poi stava smettendo di piovere e volevo sfruttare il momento ma sono scivolato”.

De Angelis confida nel meteo in vista della giornata di sabato: “In seguito alla caduta ho voluto verificare che la moto fosse funzionante – ha proseguito – domani speriamo di trovare condizioni migliori per capire se il lavoro fatto in Gara 2 ad Aragon possa funzionare anche su altre piste”.

Eppure per lui la partenza dalla SP1 non è un aspetto negativo:Per certi versi è anche un bene, perché se fosse asciutto proverei a fare due qualifiche –ha concluso - il problema è partecipare a entrambe Superpole”.

Chi può sorridere al termine di questa giornata è Lorenzo Savadori, che archivia il secondo turno di libere con l’ottavo tempo: “E’ positivo essere in SP2 ancora di più in queste condizioni di bagnato – ha commentato - sono molto soddisfatto perché abbiamo centrato l’obiettivo”. Anche il campione della Stock chiede un aiuto nel meteo: “Nel caso in cui il tempo dovesse migliorare sarei felice – ha concluso - con la pista asciutta potremo proseguire il lavoro che stiamo facendo e affiatarci ulteriormente”.

Articoli che potrebbero interessarti