Tu sei qui

SBK, Davies e Giugliano: pronti a sfruttare Aragon

Novità tecniche per la Panigale R al Motorland, tra i tracciati preferiti dei piloti del team Aruba.it

Davies e Giugliano: pronti a sfruttare Aragon

Share


Concluso il round tailandese, con in carniere un terzo posto in Gara Due di Davies, la stagione degli uomini Ducati riparte con rinnovato slancio grazie anche ad alcune novità tecniche che verranno collaudate con una giornata di test a Valencia in vista del weekend di gara. Il circuito alle porte di Alcaniz potrebbe segnare l'inizio della scalata al vertice per i due piloti del team Ducati Aruba.it. Sia Chaz Davies che Davide Giugliano, sono fiduciosi alla vigilia della terza tappa del campionato, di un pronto recupero in classifica che a momento li vede rispettivamente in quarta e sesta posizione. Un tracciato, quello a 250 Km da Barcellona, che evoca dolci ricordi per gli uomini Ducati. Lo scorso anno proprio sul Motorland è arrivata la prima vittoria della Panigale R in Superbike con Chaz Davies.

“In Tailandia abbiamo dovuto giocare un po’ in difesa ma, considerati anche alcuni problemi, abbiamo fatto un ottimo lavoro e portato a casa punti importanti" le parole di Chaz Davies. "Ripartiamo da Aragon, che è una delle mie piste preferite, dove ho dei bellissimi ricordi, su tutti la prima vittoria con Ducati. Il tracciato si addice al mio stile di guida, e spesso sono riuscito ad esprimermi al meglio lì. Avremo a disposizione anche alcune novità che sulla carta dovrebbero rappresentare un altro passo nella giusta direzione. Per questo sono fiducioso, anche se il livello della competizione è alto”.

Gli fa quasi eco Davide Giugliano che in terra di Aragona punta a raccogliere i frutti del lavoro svolto sin qui da lui e gli uomini della squadra:“Aragon mi è sempre piaciuta come pista, soprattutto da quando utilizziamo la configurazione senza il tornantino finale. La mia ultima prova al Motorland risale ad oltre un anno fa nei test invernali, ma ricordo che eravamo stati davvero competitivi". "Fin qui abbiamo lavorato molto bene - ha poi concluso - dobbiamo solo pazientare per raccogliere i frutti. L’intesa con la nuova squadra aumenta giorno dopo giorno, e sono sicuro che insieme potremo fare la differenza”.

Articoli che potrebbero interessarti