Tu sei qui

Moto3, Bulega: tutte le motivazioni per fare bene

Bastianini: "Mi aspettavo di più", Antonelli: "Peccato per la caduta, ma penso già alla qualifica"

Bulega: tutte le motivazioni per fare bene

Tre su tre. Ancora una volta ci ha pensato Nicolò Bulega a tenere alti i colori italiani. Anche nell’ultima sessione di libere l’alfiere dello Sky Racing Team  VR46 si è dimostrato il più veloce della pattuglia azzurra. Se tre indizi danno una prova, il numero otto ha tutte le carte in regola per ambire ai piani alti: “Chiudere anche oggi nella Top5 al mio primo Gran Premio  è sicuramente un’ottima notizia – ha affermato -  sono soddisfatto del lavoro della squadra, questo risultato è senza dubbio un’iniezione di fiducia in vista della gara. Nelle ultime uscite ho sofferto un po’ a causa del chattering –ha concluso - ma abbiamo risolto i problemi. Di certo ho tutte le motivazioni per fare bene”.

Alle sue spalle c’è Romano Fenati, in grande spolvero rispetto al giovedì: “E’ stata una sessione di libere molto positiva – ha puntualizzato l’ascolano - ho fatto un importante step avanti e sono addirittura riuscito a mantenere un buon ritmo anche con le gomme usate. Sono fiducioso per la qualifica di domani e in particolare per la gara”.

All’appello non poteva mancare nemmeno Andrea Migno, autore del settimo tempo a meno di otto decimi rispetto a quanto fatto da Quartararo: “Oggi ci siamo avvicinati ai primi – ha sottolineato - insieme a Romano ho sfruttato la gomma nuova, limando il mio tempo di quasi quattro decimi rispetto a ieri. Domani sarà un’altra storia, ma abbiamo comunque l’opportunità per fare bene”.

Tra i promossi del giovedì anche Enea Bastianinini. Se nella prima giornata l’alfiere Gresini sembrava in difficoltà, puntuale è arrivata la reazione: “Purtroppo le condizioni della pista cambiano velocemente, tanto che l’assetto di ieri non funzionava più così bene – ha analizzato - abbiamo quindi lavorato sulla moto per adattarci nonostante lo scarso tempo a disposizione”.

Il romagnolo guarda comunque positivo: “In ogni caso è andata abbastanza bene, perché ho terminato la sessione in sesta posizione, anche se mi aspettavo qualcosa in più – ha sottolineato - domani affronteremo subito le qualifiche, sperando che le condizioni non cambino ulteriormente, altrimenti servirà altro tempo per sistemare bene il set up. Inoltre dovremo cercare di sfruttare qualche scia in rettilineo.

Soddisfazione anche da parte del debuttante Fabio Di Giannantonio: “Sono contento perché siamo riusciti a migliorare il tempo di ieri con la gomma più dura e soprattutto sto facendo dei progressi a livello di guida – ha commentato - mi sto infatti accorgendo di sentirmi più a mio agio in diversi punti della pista. Mi dispiace soltanto non essere riuscito a sfruttare la gomma posteriore morbida alla fine della sessione, ma va bene così”.

Giornata da dimenticare invece per quanto riguarda Niccolò Antonelli, caduto nel finale di turno e costretto ad accontentarsi del decimo crono: “Oggi stavo spingendo troppo quando sono caduto – ha dichiarato - peccato, perché non ho potuto finire la FP3. Inoltre,  a causa dell'influenza, non sono al cento per cento – ha concluso - fortunatamente, dopo la caduta sembra essere tutto a posto. Adesso non dobbiamo più commettere errori, domani ci riproveremo direttamente in qualifica”. Il pilota sarà comunque sottoposto in serata ad una radiografia per ulteriori accertamenti.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti