Tu sei qui

MotoGP, Rossi: Vincere come nel 2015? Di certo il podio

Lorenzo vuole essere l'avversario da battere, Meregalli: "Sarà la stagione più combattuta della storia"

Rossi: Vincere come nel 2015? Di certo il podio

Share


Il tempo delle parole è giunto al termine, adesso toccherà alla pista sancire il primo verdetto di questo 2016 della classe regina. Si riparte dalla tradizionale gara in notturna di Losail, che lo scorso anno regalò una memorabile tripletta tricolore con Valentino Rossi a precedere le Ducati di Dovizioso e Iannone.

Negli occhi del Dottore c’è la voglia di reagire e ottenere la rivincita dopo la delusione del finale della scorsa stagione. Proprio per questo iniziare col piede giusto sarà fondamentale: “Finalmente riparte il Campionato – ha dichiarato il 46 – la prima gara ha sempre un sapore speciale, non so se riuscirò a ripetere la prestazione dello scorso anno, ma di certo voglio conquistare il podio. Mi sento molto carico e motivato, non vedo l’ora che si scenda in pista”.

Il 2016 è l’anno delle grandi novità, ma i recenti test invernali hanno esaltato le prestazioni della Yamaha, quale moto da battere: “In questi mesi siamo riusciti a prendere molta più confidenza con gomme ed elettronica – ha commentato Valentino – ci sono però altri aspetti da scoprire. Dovremo quindi capire quello che è il vero potenziale della M1, cercando di essere veloci fin dalla prima sessione di libere”.

Se Rossi sogna il quinto successo in Qatar, non vuole certo essere da meno Jorge Lorenzo. Proprio nell’ultimo test, il campione in carica della classe regina ha dimostrato di avere un passo superiore rispetto al gruppo. Adesso è giunto il momento di far capire che è proprio lui è l’uomo da battere: “Mi sento molto carico e fiducioso per quanto fatto durante l’inverno – ha spiegato lo spagnolo – i test sono un ottimo punto di partenza, però la gara è diversa”.

Il passaggio da Bridgestone a Michelin non sembra aver minimante condizionato il 99: “Credo di essermi adattato abbastanza bene alle nuove gomme – ha analizzato – bisogna però mantenere la testa bassa e continuare a lavorare, perché voglio iniziare questo nuovo anno con un risultato migliore in confronto al 2015”.

In casa Yamaha c’è sicuramente fiducia per l’inizio di stagione. Fondamentali saranno le prime gare come dichiara Maio Meregalli: “Vale e Jorge sono entrambi in grande forma – ha sottolineato il team director – queste prime corse saranno interessanti per capire il nostro potenziale e quello dei rivali, in termini di gomme ed elettronica”. Vietato quindi sottovalutare la concorrenza: “Potrebbe essere la stagione più combattuta di tutta la storia della MotoGP – ha concluso Meregalli – siamo comunque fiduciosi e pronti a difendere la nostra Tripla Corona”.

Articoli che potrebbero interessarti