Tu sei qui

SBK, Savadori: Stiamo crescendo, ma voglio di più

De Angelis: "Bruciamo le tappe velocemente, ma gli inconvenienti restano"

Savadori: Stiamo crescendo, ma voglio di più

Share


La loro avventura è iniziata da poco più di un mese, ma i passi compiuti sono già da giganti. Ancora una volta Aprilia riesce ad agganciare la top ten. Poteva addirittura ripetersi il buon risultato di ieri, ma un problema ha costretto De Angelis a scivolare fino alla quattordicesima posizione. Ci si accontenta allora del nono posto conquistato da Lorenzo Savadori.

Il weekend non era iniziato nel modo migliore, però il finale è stato tutto in crescendo.

Esatto, sono molto soddisfatto per quanto fatto con la squadra. Venerdì eravamo davvero in difficoltà, mentre oggi possiamo essere entusiasti per i progressi dimostrati. È un lavoro di gruppo, però c’è ancora tanta crescita da fare”.

Ieri hai detto che avete bisogno di girare il più possibile.

Certo e dopo oggi ne sono ancora più convinto, perché se siamo riusciti a migliorare così velocemente in due sole gare, sfruttando i test sarebbe senza dubbio andata meglio. Abbiamo ridotto il gap dai primi e questo è un ottimo punto da cui ripartire per Aragon”.

L’obiettivo è la top ten, giusto?

“Diciamo che vogliamo stare nelle prime dieci posizioni, ma soprattutto sarebbe meglio essere più avanti in griglia, senza dover perdere troppo nei primi giri a sorpassare”.

Hai citato Aragon. Cosa vedremo?

Andiamo in Europa con l’intento di compiere uno step in più, ma soprattutto sperando di poter affrontare con la massima serenità ogni turno, senza essere condizionati da continui problemi”.

Anche Alex De Angelis sperava di confermare la prestazione di ieri, invece il sanmarinese è stato frenato dalla sua Aprilia. Appuntamento rinviato quindi in Spagna tra due settimane.

Che problema hai avuto?

Purtroppo non riuscivo a scalare, sono arrivato dritto in curva e ho perso quanto di buono avevo fatto. Dispiace perché anche stamane eravamo partiti bene e c’erano tutti i mezzi per ottenere un risultato come quello di ieri”.

State però bruciando le tappe. Questo è un aspetto rilevante.

Vero, non posso che condividere, però dobbiamo arrivare alla gara con meno inconvenienti. Il tempo è già poco, se poi rimaniamo fermi è anche peggio. Adesso si va in Spagna, una sola cosa chiedo alla squadra”.

Ovvero

Più che concentrarci sullo sviluppo della moto, che è sicuramente fondamentale, vorrei che non ci trovassimo più nella situazione di avere continui inconvenienti. Se riuscissimo a compiere questo step sarebbe un progresso non da poco”.

Stamane ti sei trovato subito a tuo agio

Vero, sono riuscito a girare su ottimi tempi, trovando un setup che mi ha consentito di arrivare a fine gara senza dolore al braccio. Questa non è una cosa da poco, dato che pensavo di arrivare al termine di Gara 2 abbastanza affaticato. Invece non è stato come immaginavo

Settimana prossima riparte la MotoGP. La guarderai la prima gara?

“Certo, sono convinto sarà una stagione avvincente. Mi dispiace aver lasciato il Circus senza salutare prima i tanti amici, però qualche gara andrò a vederla in circuito”.

Un pronostico te la senti di farlo?

Lorenzo negli ultimi test è andato fortissimo e sicuramente sarà l’uomo da battere. Vale è uno che tira fuori ogni volta il coniglio dal cilindro e quindi lo metto sul podio. Marquez sembra un po’ in difficoltà, ma sono convinto troverà quel passo per stare con le Yamaha”.

Articoli che potrebbero interessarti