Tu sei qui

Cuzari: Ora la Moto2, presto torno in MotoGP

Parla il numero uno di Forward alla presentazione: "Nel paddock le regole non sono uguali per tutti"

Cuzari: Ora la Moto2, presto torno in MotoGP

Share


Il 2015 è ormai alle spalle. Adesso è il momento di pensare alla nuova stagione, che vedrà il suo team impegnato in Moto2. Giovanni Cuzari ha puntato sulla conferma di Lorenzo Baldassarri, mentre la new entry è Luca Marini, il quale prenderà il posto di Simone Corsi, passato in SpeedUP. Crescita, è questo il denominatore comune per il 2016 di Forward.

Si ricomincia?

Non vediamo l’ora. Il 2016 per noi è Forward 2.0. Quest’anno abbiamo deciso di impegnarci nella Moto2, con un progetto ambizioso. Possiamo fare affidamento su due piloti dal grande potenziale, Lorenzo e Luca. Il primo è meritava la conferma, il secondo è un nuovo innesto, per il quale ringrazio VR46, in particolare “Uccio”. L’Academy è senza dubbio una realtà che pone grande attenzione verso i giovani, sfornando continui talenti”.

Nel 2015 la sua vicenda ha scosso il paddock.

E’ stato un vero e proprio incubo. Una caduta involontaria che ha fatto male, ma da cui sono riuscito a rialzarmi grazie alle persone vere che mi hanno dimostrato grande vicinanza. Ho sempre creduto nella giustizia, la quale ha fatto il suo corso. Tra l’altro la giustizia svizzera è molto più veloce rispetto a quella italiana".

Cosa le ha insegnato questa storia?

Dico solo che nel paddock le regole non sono uguali per tutti. Per quanto riguarda l’aspetto umano, mi ha fatto capire quali sono i valori veri nella vita”.

Quest’anno sarete in Moto2. Alla MotoGP ci pensa ancora?

Certo! Posso dirle che stiamo già lavorando, dato che presto torneremo nelle classe regina”.

Per quanto riguarda la Superbike in molti sognavo di vedere Melandri tra i protagonisti.

Mi dispiace tantissimo per Marco. Ho dedicato il massimo impegno per averlo in pista, però non siamo riusciti a trovare il budget, il quale è un aspetto fondamentale”.

Che idea si è fatto del motomondiale?

E’ un ottimo strumento di comunicazione, dove la competizione sportiva è sana e trasmette valori importanti. Sono legato da tanti anni e ricordo ancora il 2011, quando decisi di credere nel progetto CRT promosso da Ezpeleta.”

Con Luca e Lorenzo si rafforza il rapporto con VR46 e Valentino. Tra l’altro in passato ha curato diversi accordi di sponsorizzazione tra Rossi e Yamaha.

Esatto, ad esempio Fiat. È un grande onore lavorare con loro, perché c’è un rapporto di fiducia, ma soprattutto di serietà”.

Articoli che potrebbero interessarti