Tu sei qui

Moto3, Test Jerez, Turno 3: L'Italia cala il poker

Quattro italiani nelle prime posizioni nell'ultimo turno del mercoledì, in Moto2 domina Luthi

Test Jerez, Turno 3: L'Italia cala il poker

Sarà anche il primo giorno, ma Thomas Luthi non ha voluto lasciare nulla al caso. Anche nel terzo turno il pilota svizzero ha recitato la parte del protagonista, chiudendo la giornata al comando con il crono di 1’42”271, due decimi meglio rispetto alla mattinata. L’elvetico segna il passo seguito a poco più di un decimo da Sam Lowes (+0.118), al via quest’anno con i colori Gresini.

In questo primo giorno di test ci ha preso gusto anche Nakagami. Questa pista si vede che piace al giapponese. Dopo il super tempo di due settimane fa, eccolo terzo (+0.236), davanti ad Alex Rins, che nel 2016 sogna di ambire alla corona di Johann Zarco.

Un mercoledì in salita per il francese iridato (+0.820), il quale conclude l’ultimo turno in ottava posizione, preceduto di quattro millesimi da Sandro Cortese e Lorenzo Baldassarri, in sesta piazza. È l’alfiere Forward il migliore degli italiani della classe intermedia. Ad inseguirlo è un sorprendente Luca Marini (+1.027), addirittura decimo, precedendo la SpeedUP di Simone Corsi per soli 53 millesimi.

A ridosso della top c’è anche Franco Morbidelli (+1.200). Fresco di passaggio nel team Marc VDS, il laziale archivia la giornata col tredicesimo tempo, più distanziato invece il connazionale Mattia Pasini (19°, +1.466), di nuovo al via della Moto2 con i colori di Italtrans, seguito da Alex Marquez, fresco di operazione al polso. Tra le new entry prosegue l’apprendistato di Danny Kent e Miguel Oliveira, appaiati in 17^ e 18^ piazza. Chiude il gruppo Tonucci.

In Moto3 Nicolò Bulega e Niccolò Antonelli hanno dato vita a un nuovo testa a testa, proprio come accaduto in mattinata. Ancora una volta l’alfiere del team Sky VR46 è riuscito a portare la propria KTM davanti al gruppo con il tempo di 1’46”591, tanto da risultare la migliore prestazione della giornata. Il connazionale si è quindi dovuto accontentare nel recitare la parte di primo degli inseguitori, staccato di poco più di tre decimi (+0.307). La notizia positiva è senza dubbio vedere quattro italiani nelle prime posizioni. Già, perché alle spalle dell’alfiere Ongetta, si inserisce Enea Bastiani (+0.482), seguito da Romano Fenati (+0.786).

Insomma, meglio di così non poteva certo andare per i nostri colori azzurri, con Fabio Quartararo costretto a guardarli dal basso verso l’alto con il quinto crono (+0.817), precedendo di soli dieci millesimi il sudafricano Brad Binder. Aggancia la top ten con il nono tempo Andrea Migno (+0.928), accusando soli sette millesimi da Navarro, mentre decimo il debuttante Bendsneyder. In ombra Pecco Bagnaia  e la Mahindra, soltanto ventunesimi a oltre due secondi dalla vetta. Meglio Di Giannantonio, diciannovesimo. Nelle retrovie Locatelli, Petrarca, Valtulini e Spiranelli.*

Domani si torna nuovamente in pista per il secondo giorno di test. L’ordine sarà però invertito, con la Moto3 ad accendere per prima i motori alle ore 10.

*NB: A causa di un problema riscontrato al sistema di cronometraggio del Circuito di Jerez, i tempi della Moto3 sono al momento ufficiosi

AGGIORNAMENTO DELLE 19:00: Confermato il primo tempo di Bulega e il secondo di Antonelli. Terzo Navarro davanti a Bastianini, Quartararo e Fenati.

 

 


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti