Tu sei qui

Giugliano: deluso? fatto passi da gigante

"Non correvo da 7 mesi e ho avuto conferme. Non vedo l'ora che sia domani per gara 2"

Giugliano: deluso? fatto passi da gigante

Il podio sfumato per una manciata di centesimi non fa infuriare Davide Giugliano. Anzi, sembra contento come per una vittoria. Nella prima gara della stagione a Phillip Island cercava conferme e le ha trovate.

Il ducatista arrivava da un lungo stop a causa dell’infortunio e nei test invernali aveva cambiato metodo di lavoro. Aveva bisogno di risposte, che sono arrivate. E non è deluso per il podio sfumato, anzi.

Non direi che è mancato qualcosa, anzi vedo questa gara in modo estremamente positivo - afferma - Siamo arrivati in quattro al traguardo in 6 decimi e io ho fatto il giro più veloce della gara all’ultimo passaggio. Questo significa tanto per me, gli altri non sono andati piano all’ultimo giro e riuscire ad essere più veloce di loro significa avere avuto qualcosa in più”.

Davide ha trovato fondamenta solide su cui costruire.

Ho fatto la mia prima gara dopo 7 mesi e ho potuto iniziare ad allenarmi solo 2 mesi fa - ricorda - Phillip Island è un circuito che ti mette a dura prova, sono molto soddisfatto. Anche per come ho lavorato con la squadra, abbiamo fatto passi da gigante rispetto allo scorso anno. Non ho perso nulla dal primo all’ultimo giro”.

In passato era famoso per le partenze a razzo e per faticare nel finale.

Facevo i primi 10 giri con i migliori e poi arrivavo a 4 secondi a fine gara - conferma - Oggi sono stato sempre vicinissimo”.

Peccato per quei metri persi in un momento decisivo.

“La mia difficoltà è stata riuscire a fermare la moto e questo mi ha fatto perdere tempo - spiega - Inoltre ho fatto un errore alla curva 4 in scalata e questo mi ha fatto perdere un po’ di contatto”.

La Panigale comunque è promossa.

La moto è perfetta, c’è solo un piccolo lavoro da fare per recuperare quei 6 decimi”.

Magari già domani, per la seconda gara

Non vedo l’ora”, sorride.

Articoli che potrebbero interessarti