Tu sei qui

SBK, Rea: Guintoli? per nulla stupito

"La Yamaha non è una moto nuova. Sul passo mezzo secondo più veloce dei test"

Rea: Guintoli? per nulla stupito

Share


Eravamo talmente abituati a vedere le Kawasaki di Sykes e Rea in testa alla lista dei tempi che, dover scendere “fino” alla terza e quarta posizione, potrebbe far pensare che qualcosa sia andato storto nella seconda sessione di prove libere.

In realtà basta analizzare i tempi per capire che, nonostante qualche sorpresa come la seconda posizione di un ottimo Michael Vd Mark, i valori in campo sono sempre gli stessi, e non c’è alcun bisogno di lanciare un campanello d’allarme.

Jonathan Rea, come è solito fare, si è concentrato più sul passo che sul giro secco, riuscendo a portare a termine svariati giri con un nuovo pneumatico portato qui da Pirelli proprio oggi in vista delle gare. “Credo di essere l'unico ad aver effettuato due simulazioni di gara questa settimana - dice - Ho un ottimo passo, e questo mi aiuterà domani, perchè devo pensare ad essere veloci su 22 giri, così come su uno solo per la Superpole.”

Non sei riuscito a migliorare i tuoi tempi rispetto ai test però...

No, di certo sarebbe stato possibile ma il vento è cambiato. Nei giorni scorsi era alle nostre spalle, dandoci un vantaggio. Oggi non è stato così. La simulazione di gara che ho fatto oggi è andata meglio però, ho fatto quasi tutti i giri in 1’31”, quasi mezzo secondo più veloce che nei test. La pista ha sicuramente più grip, quindi abbiamo dovuto cambiare leggermente il setup della moto.”

Hai già deciso che gomme userai?

Non ancora. Se le temperature saranno come oggi o più calde penso che i nuovi pneumatici portati qui da Pirelli potrebbero essere una buona soluzione. Questo è anche il motivo per il quale la simulazione di gara è stata un po’ più veloce.

In molti non vedono l’ora di scoprire cosa sarà in grado di fare la Yamaha quest anno con la nuova R1, e trovare Guintoli in prima posizione alla vigilia di gara 1 è una sorpresa per molti, ma non per Rea

Non sono affatto sorpreso. Non è vero che sia una moto nuova, è più di un anno che corre in diversi campionati. Guintoli è un buon pilota, ed è evidente che abbia un’ottima moto. Nei campionati locali e nelle endurance sono tra i più forti

Tra le novità che più ha fatto discutere c’è sicuramente la suddivisione di gara 1 e gara 2 in due giorni diversi, ma questo non sembra preoccupare affatto il campione del mondo

“Per me non fa alcuna differenza. Penso che dovremo dare al nuovo format un po’ di tempo prima di decidere se sia valido o meno. Dorna sta sicuramente cercando di aiutare il campionato, dobbiamo fidarci di loro. Il vantaggio per me è essere in una squadra fantastica come Kawasaki, ed avere persone nel team come Pere Riba e Paolo Marchetti. Siamo in grado di definire un setup di base molto velocemente.”

Anche Tom Sykes sembra abbastanza soddisfatto del lavoro svolto oggi, nonostante non sia riuscito a portare a termine un long run come da programma . “Purtroppo non c’era abbastanza tempo, avevamo alcune cose che volevamo provare per mettere insieme il miglior pacchetto possibile in vista delle gare e Superpole, e ci siamo riusciti.

Articoli che potrebbero interessarti