Tu sei qui

SBK, Giugliano: mi sono mancati un paio di decimi

"Ma sono contento del passo". Davies: "siamo arrivati troppo tardi alla soluzione"

Giugliano: mi sono mancati un paio di decimi

Share


Il 7° tempo e i 6 decimi abbondati da Guintoli non hanno rovinato la giornata di Giugliano. Il ducatista è rilassato e sorridente alla vigilia della prima gara dell’anno. “Il bilancio è estremamente positivo”, assicura. Le sue convinzioni derivano dal fatto di avere lavorato maggiormente sul passo che non sul giro secco.

Ci siamo concentrati sul ritmo per questo sono contento, anche se so che non siamo ancora veloci sul giro secco. Ci mancano almeno un paio di decimi per stare con i primi. Guintoli, Rea e Van der Mark ce li hanno e li fanno sentire”, ammette.

Nei test eravate andate quasi tutti più veloce, perché?

Si fa un lavoro diverso, si guarda un po’ di più alla performance mentre in questi due turni di libere noi ci siamo concentrati sulla costanza. Io, e pochi altri, sono riuscito a girare sotto il 1’32” di passo e questo farà la differenza in gara.

La prima sarà domani, la seconda domenica. Come giudichi questo cambiamento?

A me piace, sono contento. Inoltre questo ha portato anche a fare due turni più lunghi il venerdì e mezz’ora di differenza la senti nell’arco di una giornata. Permette di lavorare meglio in ottica gara.

Chaz DaviesAlle spalle di Davide si è piazzato il suo compagno di squadra Chaz Davies. Anche il britannico è fiducioso, ma consapevole di avere avuto qualche inciampo nella giornata e a un mattina positiva si è contrapposto un pomeriggio più complicato.

Abbiamo avuto qualche problema e abbiamo capito quali modifiche ci sarebbero servite in ritardo”. spiega.

Cosa serve?

Soprattutto più grip al posteriore, non sono preoccupato perché sappiamo dove lavorare”.

Cosa pensi del nuovo format del weekend di gara?

Preferivo il vecchio, domani non avremo un vero terzo turno di prove libere: con 15 minuti sarà una specie di warm up. Penso sia questo il più grande problema. Se si potesse, preferirei girare meno il venerdì e avere più tempo il sabato”.

Articoli che potrebbero interessarti