Tu sei qui

Sogni di mezza estate: le sportive che vedremo

Honda vara la nuova CBR1000RR e Yamaha risponde con la YZF-R6. Ducati rispolvera l'icona SS, mentre Suzuki e BMW...  

Moto - News: Sogni di mezza estate: le sportive che vedremo

Share


Da fenomeno di massa a croce e delizia per le varie Case costruttrici , le moto sportive – crisi o non crisi- sono però da sempre le realizzazioni che alimentano i sogni di tanti motociclisti. Forse meno che in passato, ma è indubbio l'elevato appeal che esse esercitano anche solo ammirandole in foto.

Un tempo erano la punta di diamante dei costruttori alla ricerca dei numeri: che si trattasse di piccole 125 o le maxi da 180 (e più) CV, per tante stagioni sono state le indiscusse protagoniste del parco moto sulle strade di tutti i giorni.

Oggi la situazione è decisamente cambiata. Ridotte quasi a fenomeno di nicchia - con cavallerie e prezzi eccessivi per tanti – per le case non rappresentano più l'arma in più nei fatturati, seppure restino dimostrazioni della capacità tecnologica che una azienda riesce a sfornare nel campo delle due ruote.

Ecco che i nuovi modelli o gli aggiornamenti sono meno frequenti che in passato, ed ai saloni fanno la parte del leone naked e crossover. Ma per fortuna dei tanti appassionati del genere capita l'annata buona. Ed ecco che, come due anni fa – quando scesero in campo le varie Kawasaki Ninja H2, Yamaha R1, Ducati Panigale 1299 e RC213VS – anche quest'anno ai Saloni di fine anno se ne vedranno delle belle nel settore sportivo.

Elaborazione grafica da MCN
     Elaborazione grafica da MCN

HONDA CBR1000RR – La Casa dell'Ala rivede la "FireBlade" con un mezzo che, da quanto avevamo anticipato mesi addietro, non sarà un V4, ma una più stradale (come da tradizione Honda) 4 in linea con aggiornamenti al motore, elettronica e ciclistica, con relativa riduzione di peso e guida più efficace. A livello estetico non dovrebbe scostarsi molto dall'attuale modello, seppure non mancherà una linea più aggiornata e filante. Non aspettiamoci una CBR estrema, sarà comunque una moto alla portata di tutti, come da filosofia di Tokyo.

Elabroazione grafica dal sito MoreBikes
   Elaborazione grafica dal sito MoreBikes

YAMAHA YZF-R6- Da un punto di vista estetico, pur attualissima ad oggi nelle linee, vedrà qualche ritocco sulla base di quanto già osservato sulla R1. Le novità potrebbero riguardare il cupolino ed il codone ricalcando gli schemi della sorella maggiore. Il motore, sempre 4 in linea, si avvarrà dell'ausilio di una elettronica più sofisticata per stare al passo e cercare qualcosa in più in ottica dell'utilizzo in pista per l'amatore:ad iniziare dal controllo di trazione e la probabile introduzione della piattaforma inerziale (IMU). Cambierà lo scarico, adeguandosi alla norma Euro 4 , con il silenziatore più sporgente ed a passaggio standard a filo del forcellone in luogo dell'attuale a "schema basso".

DUCATI SS – Ritorna un'icona con un design "Panigale style" per ciò che riguarda l'estetica ed una ciclistica di derivazione Monster. Non sarà spartana come le SS del passato, ma adotterà uno stile più stradale e pulito, per farne una sportiva in linea con l'ultima versione della SS disegnata da Pierre Terblanche uscita di scena nel 2007. Il motore adottato sarà l'unità da 937cc raffreddata liquido da 113CV, già vista sulla Hypermotard addolcita nella erogazione. Adotterà semimanubri rialzati e da un plexiglass dal profilo poco pronunciato, adatto a gestire il riparo anche sui lunghi spostamenti.

SUZUKI E BMW – Lo scorso anno la Casa di Hamamatsu presentò la nuova GSX-R1000 in versione Concept. Ora, a distanza di 12 mesi, la moto dovrebbe essere pronta a debuttare nelle concessionarie ed in pista. Due le versioni, con una dotata di preziosità tecniche pronte da sfruttare in pista. In generale comunque si parte de un motore 4 in linea da "oltre 200CV" Ride by Wire e fasatura variabile. Presenti inoltre sistema di cambiata il Quick & Down shift, oltre che il sistema di gestione della partenza. Per il resto troviamo una linea semplice pulita, ma estremamente accattivante.

Un'altra novità per il prossimo anno potrebbe essere una leggera rivisitazione della S1000RR da parte di BMW. Ma qui le voci non sono ancora confermate. Quindi è un dato da prendere con le molle, seppure in quel di Monaco...

 

Articoli che potrebbero interessarti