Tu sei qui

MotoGP, UFFICIALE: PBM continua con Aprilia

Il team in pista con Micheal Laverty e Broc Parkes ed il supporto tecnico di Noale

Share


Dopo lunghe negoziazioni, il team PBM ha confermato la propria permanenza in MotoGP. L'equipe britannica gestita da Paul Bird affiancherà Broc Parkes a Michael Laverty.

Rinnovata anche la collaborazione con Aprilia, anche se resta da capire se la squadra utilizzerà il pacchetto completo ART o deciderà di sviluppare ulteriormente il proprio telaio artigianale (sulla falsariga di quanto la squadra aveva già fatto con una delle due moto nel corso della stagione passata).

"Ci è voluto un po' ma finalmente siamo riusciti a confermare la nostra presenza – ha dichiarato Bird – In MotoGP abbiamo investito molto nelle due stagioni passati, e speriamo di capitalizzare con Micheal e Broc".

"Abbiamo imparato molto lo scorso anno e sono felice che questa squadra abbia deciso di prolungare l'impegno e mi abbia dato l'opportunità di continuare con questo progetto – ha detto Laverty Tutti dicono che la seconda stagione sia più facile. Anche se so che sarà più difficile competere contro le Open di Honda e Yamaha, il mio obiettivo è di andare costantemente a punti".

"Prima di tutto ringrazio Paul Bird per l'opportunità di lavorare con questa squadra ancora una volta – ha aggiunto Parkes, che corse con PBM nel 2009 in Superbike – Correre in MotoGP è il sogno di ogni pilota. Sarà una sfida difficile, ma non vedo l'ora di cominciare".

In attesa di scoprire l'esito delle trattative tra Ioda (anch'essa in trattativa con Noale) e Leon Camier, il numero di iscritti alla classe regina sale così a 23.

Articoli che potrebbero interessarti