Marquez: cadute innocue, sempre meglio

Test Sepang, Pedrosa: "Tre giorni positivi, ad Austin per conferme"

Share


Il team ufficiale Honda ha terminato la giornata conclusiva dei test della MotoGP a Sepang con i propri piloti in cima alla classifica dei tempi. Un "one-two punch" che conferma, se mai ce ne fosse bisogno, la competitività della Casa di Tokyo. Se il primo tempo di Dani Pedrosa (2'00.562) fa relativamente notizia – lo spagnolo ha fin qui chiuso al vertice 5 dei 6 giorni di test – lo stesso non si può dire della prestazione di Marc Marquez (2'00.643), che ha mancato l'impresa per soli 81 millesimi.

"Alla mattina ho potuto provare la moto sul bagnato e mi sono trovato molto bene, nonostante una piccola caduta – ha detto il rookie spagnolo – Ho sfiorato la linea bianca verniciata e l'anteriore mi si è chiuso all'improvviso, ma né io né la moto ci siamo fatti nulla. A pista asciutta ho continuato il lavoro di messa a punto di elettronica e ciclistica, soprattutto al posteriore. All'inizio non mi trovavo bene e sono nuovamente caduto, ma senza conseguenze, quando ho forzato un po' in frenata".

Marquez non si è però perso d'animo, realizzando il proprio giro più veloce a pochi minuti dalla fine, e portandosi davanti a due campioni del mondo come Lorenzo e Rossi.

"All'ultima ora abbiamo regolato la moto con i parametri migliori riscontrati nei test fin qui, e abbiamo fatto un buon tempo. Lasciamo Sepang con ottime sensazioni".

Soddisfatto, e non potrebbe essere altrimenti, anche il suo compagno di squadra Dani Pedrosa. Il fantino catalano non è riuscito ad abbassare il giro record (2'00.2) fatto da Lorenzo ieri, ma ha comunque staccato le Yamaha ufficiali di quattro decimi.

"Al mattino ci abbiamo messo un po' a trovare la giusta configurazione sul bagnato, ma siamo riusciti a fare alcuni buoni giri – ha dichiarato il vice-campione del mondo Al pomeriggio ho girato con pneumatici usurati per continuare la messa a punto delle sospensioni, e il responso di questi tre giorni è sicuramente positivo. Ora andiamo ad Austin, un test molto interessante sia per me che per la squadra perché è un circuito nuovo sul quale non abbiamo mai girato".

Articoli che potrebbero interessarti