Gabarrini: Marquez, top rider come Stoner

"Non sembra così giovane, ha il talento di Casey. Ed impara in fretta"

Share


Christian Gabarrini è stato per sei stagioni al fianco di Casey Stoner, esplorandone talento e limiti, dapprima in Ducati e poi alla Honda. Con lui ha vinto due titoli iridati, poi l'australiano ha deciso di ritirarsi e l'HRC gli ha affidato un altro genio delle due ruote, Marc Marquez.

"Negli ultimi sei anni ho visto la MotoGP attraverso gli occhi di Casey, così ora trovo molto stimolante vederla con quelli di Marc, un ragazzo giovanissimo che sembra decisamente più esperto dei suoi 19 anni".

Il quarto tempo assoluto a Sepang ha impressionato tutti.

"Già dall'inizio, dai test di Valencia, il suo approccio è stato molto molto buono, professionale. Marquez è molto intelligente e lo sta dimostrando con la rapidità con la quale sta imparando a guidare queste moto e dalla rapidità con cui migliora la sua guida in ogni punto del circuito".

Il pilota spagnolo in Malesia ha detto di doversi ancora abituare all'elettronica e che ha guidato con poca elettronica per imparare a conoscere meglio la RC213V.

"Come ho detto sembra di trovarsi ad un pilota con 20 anni di esperienza. La sua analisi dei dati è precisa e questo secondo me è un punto di forza. Ovviamente l'altro è il suo talento, che è veramente grande. Giro dopo giro, uscita dopo uscita, si capisce che sta imparando. Analizza ciò che fa, punto per punto, poi si modifica e migliora. Sono soddisfatto di lavorare con lui. In certe cose lui e Casey sono completamente differenti, in altre, e parlo della sua abilità, molto molto simili.Ovviamente dobbiamo dargli tempo, ma migliorerà rapidamente, su questo non ho alcun dubbio. Stiamo parlando di un top rider".

Articoli che potrebbero interessarti