Pedrosa: la mia Honda è quasi perfetta

Dani: "solo affinamenti su bilanciamento ed elettronica. Marquez? Ha uno stile impressionante"

Share


Meglio di così non poteva andare a Dani Pedrosa. In Malesia ha comandato la classifica per tutti e tre i giorni di test, tenendo a bada Lorenzo e lo scomodo compagno di squadra Marquez. Dopo essere stato il pilota ad avere vinto più GP nella classe regina nella scorsa stagione, lo spagnolo della Honda vuole puntare quel titolo che gli è sempre sfuggito. Con Stoner felicemente pensionato, è di nuovo lui il pilota di riferimento per HRC e nella prima uscita del 2013 non ha deluso le aspettative. “Sono contento, abbiamo potuto riprovare la moto e fare delle analisi interessanti, soprattutto sugli aspetti generali – il suo commento alla tre giorni malese - Questi test sono stati importanti per il prosieguo della stagione. Abbiamo avuto tempo per collaudare quello che volevamo, per fortuna il tempo è stato clemente e siamo riusciti a fare molti giri”.

Come ti senti fisicamente?

“E’ normale avere qualche dolore dopo tanto tempo in cui non si sale in sella, succede sempre. Anche se in inverno vai in moto, con le MotoGP qualche indolenzimento è inevitabile”.

Come è cambiata la moto rispetto ai test dopo l’ultimo GP dello scorso anno?

"Non abbiamo fatto grandi cambiamenti perché le sensazioni a Valencia era state buone. Abbiamo modificato qualcosa, dove era necessario, ma in generale abbiamo cercato di fare piccoli passi nella giusta direzione”.

L’annoso problema di chattering è stato risolto?

“In questi primi test non ci siamo concentrati troppo sul chattering. Abbiamo provato principalmente a migliorare le fasi di frenata e inserimento in curva, le moto adesso sono più pesanti. Le regole sono cambiate e avremo un motore in meno quest’anno (da sei a cinque ndr), era importante assicurarsi di avere una buona affidabilità. Sono questi i punti su cui abbiamo lavorato”.

I chili in più si fanno sentire?

Si sentono soprattutto in frenata. Abbiamo cercato di cambiare la posizione di questi tre chili per trovare un perfetto bilanciamento, ovviamente dobbiamo ancora lavorare duramente su questo punto. Ma non dirò dove li abbiamo messi, è un segreto”.

Al contrario di altri piloti non hai fatto una simulazione di gara, perché?

Non avevamo pianificato di fare un long run. Erano i primi test dell’anno e non era ancora completamente chiaro quale materiale avremmo usato. Dalla mia esperienza, non penso che abbia bisogno di concentrarmi su una simulazione di gara nei primi tre giorni di prove”.

Tra due settimane sarete di nuovo a Sepang, che novità ci saranno sulla moto?

Dobbiamo migliorare alcuni particolari del motore, fondamentalmente alcuni aspetti dell’elettronica che sono importanti. Inoltre dobbiamo continuare a lavorare sull’affidabilità”.

Che impressione ti ha fatto il tuo compagno di squadra Marquez?

In pista l’ho visto per solo due o tre curve, ma il suo stile è veramente impressionante. Piega molto la moto e ha fatto dei buoni tempi. A Sepang era già stato veloce a novembre”.

Articoli che potrebbero interessarti