Tu sei qui

Schwantz: MotoGP in Texas grazie a me

"Il CotA mente per ricevere aiuti dal fondo fiduciario con il quale avevo accordi io"

MotoGP: Schwantz: MotoGP in Texas grazie a me

Share


La polemica tra Kevin Schwantz ed il Circuit of Americas di Austin non sembra accennata a diminuire di intensità. Anzi. Mano a mano che ci si avvicina al debutto della MotoGP in Texas (21 aprile), i toni si fanno più accesi mentre prosegue la battaglia in tribunale. La nuova amministrazione del circuito sembra però aver dimenticato una delle regole di base delle pubbliche relazioni: non attaccare una celebrità (lo avrebbe addirittura minacciato di arresto). Ecco cosa ha risposto alle ultime accuse l'ex-campione della 500, che ha frequentato stabilmente il paddock anche dopo il ritiro e continua a godere di legioni di tifosi:

"La scorsa settimana il Circuit of Americas ha rilasciato una dichiarazione secondo la quale io non ho avuto nulla a che fare con l'aver portato la MotoGP in Texas. A differenza di altri che hanno dispute con CotA, io sono libero di dire quello che penso. Quindi facciamo chiarezza: io sono l'unica ragione per cui la MotoGP sta per andare in Texas. Nessuno associato al momento con CotA ha contribuito al design del tracciato. Non mancano le prove per dimostrarlo".

"Il 2 febbraio 2011, il CEO della Dorna Carmelo Ezpeleta mi ha mandato una lettera per confermare che la mia società 3FourTexasMGP era 'l'unica detentrice dei diritti MotoGP nello stato del Texas dal 2013 al 2022'. Il giorno seguente, l'amministratrice Susan Combs ha mandato una lettera a me ed Ezpeleta per confermare che il GP sarebbe stato incluso nel fondo fiduciario per eventi in Texas a partire dal 2013. Nella lettera, l'amministratrice ha spiegato che la cifra annuale sarebbe stata versata a 3FourTexasMGP, 'detentore di tutti i diritti MotoGP in Texas'. Ad aprile 2011 ci fu una conferenza stampa per annunciare l'arrivo della MotoGP. Il 22 luglio 2011, Ezpeleta ha mandato una lettera all'amministratrice del fondo fiduciario scrivendo che 'sia io che Schwantz siamo sicuri che il successo dell'evento in Texas sarà fantastico sia per lo stato che per la MotoGP'".

"Ho speso troppo tempo e denaro negli ultimi cinque anni su questo progetto, anche aiutando la verificatrice durante la sessione legislativa 2011 per raccogliere fondi. Non posso restarmene seduto e lasciare che queste menzogne continuino. Il tentativo di CotA di minimizzare il mio coinvolgimento nel portare la MotoGP è stupido, ma alcune altre loro azioni si avvicinano a qualcosa di molto più serio. Credo che, come è successo con la F1, stiano cercando di riscrivere il corso degli eventi per ricevere aiuti dal fondo fiduciario".

Articoli che potrebbero interessarti