Tu sei qui

SBK, Suzuki: Tornare al top

Sembra puntare in alto la terza Casa giapponese presente in Superbike

Moto - News: SBK, Suzuki: Tornare al top

Share


Da qualche anno è... l'oggetto misterioso della Superbike. La Suzuki nel 2005 ha vinto il titolo mondiale con Troy Corser che nell'anno successivo finì quarto. Max Biaggi la portò al terzo posto mentre nelle due stagioni seguenti i risultati scarseggiarono anche per la scarsa competitività dei piloti (Fonsi Nieto, Kagayama, Neukirchner).

Ci fu, quindi, un ritorno di fiamma nel 2010 quando Leon Haslam giunse alle spalle di Biaggi, dopo essere stato protagonista della prima parte della stagione. Nel 2011 con il dodicesimo posto finale di Michel Fabrizio si è concluso il lungo "matrimonio" con Francesco Batta e il suo team Alstare e si è aperto un nuovo capitolo.

SI VOLTA PAGINA - Nel 2012 il compito di portare in pista le Superbike della Suzuki passa al team inglese Crescent che schiera Leon Camier - che ha una gran voglia di rivincita dopo che il team Aprilia gli aveva preferito Laverty - e John Hopkins, alle prese con uno stato fisico decisamente precario (tanto che deciderà di ritirarsi temporaneamente per curare le sue fratture non risolte).

Camier ci ha messo molta grinta ed è finito al 14° posto nel mondiale con 115,5 punti. Il suo miglior risultato è stato il solitario terzo posto al Nurburgring in gara 2, insieme al quarto conquistato a Donington.

Waters ad AragonPUNTARE SUI GIOVANI - Per il 2013 con una mossa decisamente a sorpresa - visti i nomi che circolavano come possibili piloti - il team ha deciso di puntare sui giovani ed a fianco di Camier (26 anni) ci sarà il francese Jules Cluzel (24 anni) che ha combattuto quasi fino all'ultimo con Sofuoglu per il mondiale Supersport. Ha vinto cinque gare.

Il compito più difficile lo avrà proprio il vice campione della Supersport, visto che non è ancora mai salito sulla Suzuki che dovrà guidare nel mondiale. Lo farà nei prossimi giorni in Spagna, prima di partire per l'Australia.

Camier, dal canto suo, ha girato a metà ottobre ad Aragon a mezzo secondo da Tom Sykes. Suo occasionale compagno è stato Joshua Waters.

Al di là delle qualità dei piloti sarà da vedere la competitività delle moto che sono seguite anche dalla Yoshimura (emanazione diretta Suzuki) che nelle ultime due stagione ha avuto la possibilità di misurare il livello di preparazione della Superbike e sembra aver lavorato a lungo per rendere più performante la GSX-R 1000.

Tra pochi giorni sapremo se l'obiettivo è stato raggiunto.

Articoli che potrebbero interessarti