Tu sei qui

SBK, BMW Italia: Aspettative deluse

La squadra era partita con grandi ambizioni, purtroppo concretizzatesi poco


Le aspettative erano grandi ma purtroppo la stagione non è andata come BMW Italia si augurava. La presenza di un grosso sponsor (Goldbet), una squadra dalle grandi tradizioni, un pilota in crescita (Badovini) ed uno con una grande voglia di riscatto (Fabrizio), la prospettiva di gestire la squadra ufficiale e lo stretto contatto con la Casa madre avevano fatto pensare ad un campionato di primissimo piano.

Purtroppo le cose non sono andate come tutti speravano, anche se, poi, analizzando i risultati questi non sono stati pessimi. Sia Fabrizio sia Badovini sono saliti una volta ciascuno sul podio e più volte sono finiti nella top ten ma è mancata la costanza nei risultati con altalene di prestazioni in prova e in gara.

"Pensavamo di raccogliere di più. - ci ha detto Serafino Foti, direttore sportivo del team - Personalmente non sono contento Michel Fabriziodi questa stagione. Quest'anno il mondiale SBK è stato di altissimo livello e rispetto ai tempi dello scorso anno abbiamo migliorato. Come team diamo il massimo ma qualcosa non ha funzionato. Nelle occasioni migliori siamo stati sfortunati (Monza, Assen, Aragon), gare che se fossero andate bene avrebbero cambiato l'andamento della stagione, staremmo sicuramente più avanti.  Solo ad Imola e Monza abbiamo avuto problemi tecnici"

E' indubbio comunque che, soprattutto in prova, le prestazioni fossero a corrente alternata senza quella costanza che avrebbe consentito ai due piloti del team di partire più avanti.

Ed a proposito di piloti, grande è la delusione di Michel Fabrizio che non la nasconde: "Mi aspettavo molto di più da tutto, da me, dalla squadra. - ci ha detto il pilota romano - Non c'è stato tutto ciò e mi trovo a cambiare casacca ancora una volta. Abbiamo puntato a fare i risultati che ci aspettavamo ma non sono venuti.  Di positivo in questa stagione c'è poco. Non so cosa sia mancato. Forse qualcosa che mi consentisse di stare più costantemente e tranquillamente tra la 5° e la 6° posizione. Purtroppo ho avuto pochissimo feeling con questo moto".

Ayrton BadoviniAnche Ayrton Badovini non è soddisfatto della stagione: "E' stata al di sotto delle mie aspettative. L'inizio è stato difficile, poi verso metà le cose sono andate meglio e nel finale stiamo incontrando nuovamente delle difficoltà. Il livello di quest'anno è decisamente alto e basta poco per stare dietro. Non ho mai avuto un ottimo feeling con la moto e poche volte mi sono trovato a mio agio. Spero, comunque, di poter correre anche il prossimo anno con una BMW".

Articoli che potrebbero interessarti