Al Nurburgring la "lepre" è Melandri

Dopo otto gare consecutive dove Max è stato in testa, in Germania il leader è Marco

Share


Mancano tre round (sei gare) al termine della stagione 2012 e dalla teoria si passa alla pratica. Il pronostico, come abbiamo analizzato noi di GPone.com è aperto, ma nessuno dei duellanti può permettersi alcun passo falso, così come non possono permetterselo i loro inseguitori (soprattutto Tom Sykes) se vogliono mantenersi una minima speranza di lottare per il titolo.

Con 150 punti in palio, l'aritmetica consente molte ipotesi ma è evidente che Marco Melandri e Max Biaggi hanno qualche carta in più per giocarsi il titolo. Marco arriva in Germania con una serie positiva che lo ha visto salire sul gradino più alto del podio, mentre Max è rimasto all'asciutto. Ora la classifica vede Il pilota della BMW in testa con 18,5 punti di vantaggio sul portacolori dell'Aprilia.

PRESSIONE PER MELANDRI - "Arrivare al Nurburgring, in casa della BMW, in testa al campionato - ha detto Melandri - è stimolante ma può anche significare maggiore pressione perché tutti si aspettano un buon risultato. Sarà una gara difficile perché l'Aprilia vorrà tornare al comando. La pista mi piace, è molto tecnica. La prima parte è piuttosto stretta poi diventa veloce e penso che sarà adatta al mio stile di guida. Dobbiamo lavorare sulla qualifica perché abbiamo ancora difficoltà con la gomma morbida".

Il circuito del Nurburgring sul quale la Superbike corre ininterrottamente dal 2008, è lungo 5,137 km che saranno percorsi venti volte per ciascuna gara. Ci sono sei curve a sinistra e dieci a destra mentre sul rettilineo più lungo si toccano i 277,6 km/h (Melandri, Yamaha nel 2011). Il record della pista per la Superbike è di Jonathan Rea che lo ha stabilito nel 2010 con 1'55"392 alla media di 160,260 km/h

LA SPERANZA DI SYKES - Come scritto, Tom Sykes sembra avere - visti anche i suoi più recenti risultati (vedi vittoria di Mosca) - ancora qualche speranza di inserirsi nella lotta per il titolo anche se 41 punti non sono facilissimi da recuperare.  Dalla sua c'è la cabala della vittoria conquistata lo scorso anno proprio al Nurburgring in una gara disputata sotto un vero e proprio diluvio.

GLI OUTSIDER - Meno possibilità hanno oggettivamente Carlos Checa e Jonathan Rea che accusano uno svantaggio rispettivamente di 75 e 96 punti da Melandri. Entrambi hanno voglia di dimostrare di essere degni della lotta per il titolo e potrebbero dire la loro (avendo già vinto al Nurburgring) per il primo posto in Germania. Da vedere se il britannico sarà in grado di passare facilmente dalla MotoGP sulla quale ha disputato i test di Brno e girerà oggi e domani ad Aragon alla Superbike e di gestire questo passaggio anche nelle prossime gare.

Ma nella lotta per la vittoria di gara potrebbero inserirsi anche Sylvain Guintoli (secondo sul bagnato lo scorso anno) o Davide Giugliano (che fu protagonista di una gara memorabile con la Superstock in sella ad una Suzuki).

In Germania dovrebbe rientrare anche il team Liberty Racing ma ne avremo la conferma solo venerdì quando le moto scenderanno in pista per le prime prove libere.

Al Nurburgring sarà possibile verificare se il leggero miglioramento delle prestazioni della Suzuki è stato episodico (Leon Camier a Mosca ha conquistato un bel quinto posto in gara 2 sia pure lontano dai primi) oppure se il notevole sforzo fatto dal team inglese comincia a dare i suoi frutti.

TRE CASE PER LA VITTORIA - Da tenere d'occhio anche il Campionato Costruttori che vede tre Marche con maggiore possibilità di conquistare il titolo BMW, Aprilia, Ducati e Kawasaki. E saranno importanti per questa classifica anche i piazzamenti degli eventuali "secondi" piloti nel caso di passi falsi dei numeri uno e cioè, rispettivamente, Leon Haslam, Eugene Laverty, Davide Giugliano e Loris Baz. Prima della gara tedesca la BMW è in testa con 361 punti seguita dall'Aprilia (334,,5), Ducati (322) e Kawasaki (298,5).

In Germania il Mondiale Superbike tornerà agli orari consueti con la Superpole in programma alle ore 15.00 di sabato 8 settembre e le due gare previste alle 12.00 e alle 15.30 di domenica.

Share

Articoli che potrebbero interessarti