SBK, Mercato: Biaggi vuole l'Aprilia

Max a colloquio (interessato?) con Yoda. L'argomento potrebbe essere il 2013

Share


In una recente intervista alla Gazzetta dello Sport Max Biaggi ha dichiarato che vuole concludere la sua carriera in Aprilia e, quindi, farà di tutto per concludere un accordo che gli permetta di correre nel 2013 (e nel 2014?) ancora con la Marca di Noale. Non si nasconde, però, la possibilità contraria ed è, forse, per questo motivo che mantiene buoni rapporti anche con altre Marche come dimostra la foto che lo ritrae a colloquio nel paddock di Mosca con mister Yoda (e Pere Riba) della Kawasaki. Non è un mistero che Max abbia già avuto contatti con la "verdona" che al momento sembra essere una delle moto con maggiore possibilità di miglioramento.

Ma la Casa giapponese non è rimasta ferma nell'attesa di eventuali possibili sviluppi ed ha già firmato un contratto con Loris Baz, mentre a Silverstone ha fissato gli ultimi dettagli per il rinnovo di quello di Tom Sykes.

Il britannico interessa anche alla Honda, sembra, che deve innanzitutto sostituire Aoyama che ha deluso pesantemente, mentre non ha ancora rinnovato con Jonathan Rea (che rimane l'obiettivo principale del team olandese). Altra ipotesi è quella dell'ingaggio di Leon Haslam che, però, vorrebbe con se alcuni tecnici (oltre "all'ingombrante" padre), prassi inusuale per il team Ten Kate che si è avvalsa sempre e solo di propri uomini.

Sembra tranquilla la situazione nel team Althea che sta programmando con la Ducati una serie di test con la Panigale per verificare, tra l'altro, se le modifiche richieste dopo i test di Misano in occasione del WDW sono state apportate e se danno vantaggi.

Bisognerà, forse, aspettare il Nurburgring per sapere qualcosa di più in merito alle altre squadre Ducati, tra le quali quella più sicura è la Red Devils con una Panigale. Per quanto riguarda il team Pata Racing, ci sono contatti affinchè lo sponsor rimanga come team per non perdere due piloti dallo schieramento. In caso contrario sarà tutto da vedere. Incertezza (forse maggiore) per il futuro del team Liberty Racing che non è a Mosca e dovrebbe tornare al Nurbrugring.

In casa Aprilia, detto di Biaggi e confermato Laverty (che ha un contratto anche per il 2013), c'è da vedere cosa farà il team ParkinGO. Giuliano Rovelli è intenzionato a proseguire ("abbiamo costruito una bella squadra di tecnici, sarebbe un peccato disperderla" ci ha detto il manager lombardo) ma da bravo business man sta parlando anche con altre Case per capire se ci sono alternative valide anche in campo giapponese.

Mentre il team Suzuki dovrebbe conoscere il proprio futuro prima del Nurburgring, in casa BMW sono in attesa delle decisioni di Ben Spies al quale sono molto vicini ma l'americano non dispera di trovare un buon posto in MotoGP. In caso contrario con Andrea Dovizioso già sistemato in Ducati MotoGP e con Crutchlow che non ha intenzione di tornare in Superbike, le alternative rimangono poche, soprattutto considerando che Andrea Buzzoni è orientato ad avere un pilota di lingua inglese. A meno che Rea non tardi a rinnovare con Honda perché tentato dalla Casa di Monaco...

Articoli che potrebbero interessarti