SBK, Chili: "Può succedere di tutto"

"Frankie" considera il mondiale Superbike ancora aperto e non solo a Biaggi e Melandri


La stagione balneare in pieno svolgimento - come tutti sanno possiede con la moglie due stabilimenti a Misano Adriatico - non impedisce a Pierfrancesco "Frankie" Chili di seguire con attenzione il Campionato Mondiale Superbike.

Ed all'ex pilota bolognese abbiamo chiesto se si aspettasse una riapertura così repentina del pronostico.

"No, sinceramente mi aspettavo, invece, il colpo definitivo al campionato su una pista dove Biaggi ha sempre fatto la differenza. - ci ha detto Chili - In gara 1 Max è stato un po' troppo prudente. ha recuperato ma non ha soddisfatto. In gara 2 mi aspettavo che sfruttasse le gomme morbide. Melandri, dal canto suo, ha vinto meritatamente due gare".

Ed a cosa attribuisci questo passo falso di Max?

"Ha qualcosa che lo distrae. Aprilia sta lavorando per lui in modo eccelso e gli riserva il miglior trattamento nella squadra ma lui ha voluto mandare un segnale come le voci che lo davano in contatto con Ducati e Kawasaki".

A proposito di Ducati, sembra aver ritrovato competitività

"Ducati ha recuperato qualcosa che aveva perso sui circuiti che non erano adatti a lei. Checa ha dovuto cedere qualcosa per le gomme sfruttate anche a causa del maggior peso. Il regolamento, secondo me, non ha più senso: i quattro cilindri ormai sono competitivi come i due".

Pensi che a Silverstone arriverà la prima vittoria "vera" della Kawasaki?

"Già a Monza sarebbe stata vittoria vera. Ma ora Sykes tiene bene anche nel finale. Come ho già detto altre volte, era un pilota poco accreditato ma ha saputo far bene. Non è, poi, così indietro in campionato. Lui guida al massimo di quello che ha e bisogna anche dire che ora cade poco".

In Inghilterra ci sarà la verifica delle prestazioni dei giovani

"A Brno i ragazzi mi sono piaciuti. Ha fatto bene Baz, molto bene Giugliano, il più maturo e quello che può salire l'ultimo gradino. Baz ha guidato quasi come Sykes. Berger cresce ma non è ancora a livello degli altri. A Silverstone dovranno confermare quello che hanno fatto vedere".

Per te il mondiale sarà una questione tra Biaggi e Melandri o Sykes e Checa possono dire ancora la loro?

"Con la doppia gara può succedere di tutto. Guarda cosa è successo a Brno dove Biaggi è arrivato con un vantaggio notevole. Silverstone è favorevole a Max ma la BMW è competitiva e Sykes vorrà far bene davanti al suo pubblico. Così come Rea e Haslam che potrebbe disputare la gara della riscossa e della "vendetta" su Melandri".

SI parla già molto di mercato...

"C'è gente che vuole fare parlare di se e c'è chi, invece, è già a posto come Spies... Ben fa bene a tornare in Superbike perché in MotoGP ha fatto fatica quest'anno. Per andare forte ci vogliono tutte le componenti ed evidentemente non le aveva".

Articoli che potrebbero interessarti