Sacchi vs Aprilia: furti di cervelli

Il manager ternano, dopo il team, continua la spesa: un elettronico, ed uno sponsor

Sacchi vs Aprilia: furti di cervelli

Share


La creazione della CRT, all'interno della MotoGP, ha portato dei vantaggi in termini economici all'Aprilia, ma anche dei grattacapi. E non è detto che i primi compensino i secondi.

Se infatti la casa di Noale beneficerà di denaro fresco per la vendita delle "ART 1000" - così sono iscritte le RSV-4 prototipizzate nel motomondiale - d'altro canto il team di Max Biaggi ha sofferto "il furto" dell'intera squadra, capitanata dal suo storico capomeccanico Giovanni Sandi, emigrata in CRT nel nascituro team di Giampiero Sacchi. E non è finita.

Se, infatti, l'Aprilia ha risposto con l'ingaggio di Aligi Deganello, una scelta ottima ma obbligata, ora sembra che il team Iodaracing stia per mettere a segno un altro colpaccio: è in dirittura di arrivo l'ingaggio del tecnico elettronico Biasio, che attualmente sovrintende a tutto lo sviluppo dei vari controlli della RSV-4. Un furto non da poco per Aprilia che, se la trattativa andrà in porto, priverà a pochi giorni dai test australiani la casa iridata 2010 nella Superbike di una figura chiave.

Si sta muovendo bene, Sacchi e sfruttando la profonda conoscenza del mondo Aprilia, nel quale ha operato come direttore sportivo fino a due anni fa, tanto da aver convinto a seguirlo anche lo sponsor CAME, che probabilmente vestirà la ART 1000 di Petrucci.

Insomma sembra proprio che in questo momento "la forza" sia con Ioda, mentre l'Aprilia si presenta all'apertura del mondiale Superbike sicuramente indebolita, o quantomeno con una struttura da collaudare.

C'è da domandarsi perché tutta questa gente abbia preferito l'avventura della CRT, dove senza sminuire il valore dei personaggi coinvolti si correrà per le posizioni di bassa classifica, alla sicurezza della Superbike.

A meno che Sacchi, da sempre molto vicino ad Ezpeleta, sappia qualcosa sul futuro del campionato MotoGP ed offra, in un certo qual senso, un posto in prima fila...

A proposito: dopo aver sfilato all'Aprilia il team di Sandi, uno sponsor ed ora un tecnico elettronico ora a Sacchi non resta che...rubargli Max Biaggi!

Dopotutto il manager ternano di Max è stato anche procuratore, anche se per breve tempo. Scherziamo...ma pensate che colpo sarebbe riportare il Corsaro in MotoGP...scusate, in CRT, nel 2012!

Articoli che potrebbero interessarti