Tu sei qui

Freni che scottano a Valencia

La maggiore insidia è il raffreddamento degli impianti, critico per i brevi rettilinei

Moto - News: Freni che scottano a Valencia

Share


Il circuito di Valencia, dedicato a Ricardo Tormo, presenta un tracciato da percorrere in senso antiorario, caratterizzato da curve strette unite da brevi rettilinei dove si usano molto le marce basse. È una pista lunga poco più di 4 km, 876 metri il rettifilo principale, mediamente impegnativa per il sistema frenante dove le maggiori insidie sono portate proprio dalla difficoltà di raffreddare i freni a causa dei brevi rettilinei.

La frenata più impegnativa è quella al termine del rettilineo principale dove le MotoGP raggiungono la velocità massima di 322 km orari. I piloti della classe regina impiegano 4 secondi e quasi 250 metri per rallentare fino a 146 km/h. I tecnici Brembo registrano nella staccata una pressione di 6,5 kg alla leva del freno e una decelerazione massima pari a 1,6 g.

Articoli che potrebbero interessarti