Tu sei qui

Patenti A - Dal 2013 si cambia

Nuove condizioni a partire dal 19 Gennaio 2013

Moto - News: Patenti A - Dal 2013 si cambia

Share


Avevamo accennato la questione tempo addietro, mostrandovi le foto-spia dei nuovi CB500 e CBR500: a partire dal 2013 sarà introdotto un nuovo codice della Strada, che recherà con se tutta una serie di innovazioni, volte a ottimizzare e razionalizzare il percorso di ogni utente in sella alle due ruote, e convergere verso un sistema normativo che si sintonizzi maggiormente a quello europeo. Quali sono le principali novità? Scopriamole insieme

PATENTE A2: SI PASSA A 35 KW - La patente A2 si potrà conseguire, come ora, fin dai 18 anni ma, a partire dal 19 gennaio 2013, si potranno condurre moto con una potenza massima di 35 Kw, e non più di 25. Un diciottenne potrà cosi guidare una moto da 48 cavalli e non più da 34. Esistono però delle condizioni che la moto deve rispettare: il rapporto potenza/peso non dovrà superare gli 0,2 kW/kg (ovvero i 175 kg) , ed il motore non dovrà essere un derivato di uno con potenza superiore a 70 kW.

In questo modo, si spiega maggiormente la politica di case come la Honda che, proprio in attesa di questi cambiamenti, aveva messo in produzione moto con tali caratteristiche, come ad esempio l'NC700S o l'NC700X. Soluzioni - queste - che toglieranno "de facto" dal mercato soluzioni di moto che venivano vendute con una cilindrata maggiore, ma con limitazioni e strozzature per renderle depotenziate, in attesa dell'ottenimento della patente A3.

PATENTE A3: DA 21 A 24 ANNI - La seconda grande novità del nuovo Codice della strada, riguarda il conseguimento della patente A3 - più comunemente chiamata "A" - che vedrà come limite minimo il raggiungimento dei 24 anni di età, a dispetto di quanto stabilito finora, con la possibilità di conseguirla a 21 anni. Per poter prendere la patente A3 ovviamente, bisognerà sostenere l'esame pratico con una moto di potenza superiore ai 35 Kw. Chi però è in possesso di patente A2, potrà seguire sostanzialmente l'attuale iter legislativo, ovvero attendere 2 anni di apprendistato e passare alla A3, sostenendo però un esame integrativo.

Una soluzione questa, che reputiamo intelligente, perchè permette un inserimento più graduale nel mondo delle due ruote, ed una possibilità di familiarizzazione crescente con potenze sempre maggiori. Ma non è tutto oro ciò che luccica...

LIMITI DI VELOCITA' - La nuova normativa prevede dei nuovi limiti di velocità, con un'estensione anche alle patenti A2 e A3 il limite di 90 km/h su strade extraurbane principali (con limite a 110 km/h) e di 100 km/h sulle autostrade per i primi anni della patente.

Francamente, se per la prima limitazione si può anche essere d'accordo, costringere un neopatentato ad andare in autostrada ad una velocità inferiore di ben 30 km/h può risultare assolutamente pericoloso. Non è limitando la velocità in autostrada che si limitano gli incidenti. Ma questo è un discorso che affronteremo in separata sede...

Articoli che potrebbero interessarti