Tu sei qui

CIV: Assegnati tre titoli italiani

A Misano si laureano Dionisi (Supersport), Baiocco (SBK) e Della Porta (125 GP)

Moto - News: CIV: Assegnati tre titoli italiani

Share


Oltre a quello conquistato ieri da Ferruccio Lamborghini nella Moto2, a Misano sono stati assegnati altri tre titoli dopo le gare odierne, vale a dire quelli della Supersport (Ilario Dionisi), Superbike (Matteo Baiocco) e 125 GP (Lorenzo Dalla Porta). Per quelli della Moto3, Superstock e Superstock 600 bisognerà, invece, aspettare la gara finale in programma il 14 ottobre sul circuito di Vallelunga.

Ilario Dionisi, ventotto anni, laziale di Borgo Santa Maria avrebbe potuto amministrare il grande vantaggio sul diretto rivale in campionato, Mirko Giansanti, e invece ha voluto dimostrare di essere il più forte: pole, doppia vittoria e titolo italiano Supersport. Ritmo infernale al via e fuga a due con Roberto Tamburini, che però dopo pochi passaggi è incappato in una scivolata (rientrando poi in pista e chiudendo sesto). Da quel momento in poi è stata cavalcata solitaria per il numero 57, che nelle ultime tornate ha dato spettacolo con ingressi in curva in derapata e lunga “impennata” a chiusura sul rettilineo finale. Spettacolo è stato anche alle sue spalle, grazie all’agguerrito duello tra Stefano Cruciani e Vladimir Leonov. Alla fine l’ha spuntata il marchigiano, alfiere Kawasaki , per soli otto centesimi di secondo, mettendosi alle spalle il talento russo. Grazie a questo risultato, Cruciani scavalca Giansanti (solo quarto oggi) al secondo posto in campionato e a Vallelunga cercherà di confermarsi nella piazza d’onore difendendosi dagli attacchi del compagno di squadra. Nella Moto2 conferma per il fresco campione in carica Ferruccio Lamborghini che vince ancora davanti a Christopher Gobbi.

Antonelli a MisanoNiccolò Antonelli ha replicato la splendida prestazione di ieri, dando ancora più distacco (19 secondi) agli avversari sotto la bandiera a scacchi della Moto3. Non era scattato bene al via, Niccolò, ma dopo essersi liberato dalla compagnia di Popov e Riins è riuscito a fare ancora una volta la differenza. Una bella dimostrazione di forza per il campione italiano in carica della 125, che ha confermato di trovarsi sempre più a suo agio sulla Moto3 e che fa ben sperare in vista della gara mondiale in programma a metà settembre sul circuito romagnolo. Alle sue spalle è stata battaglia vera tra sei piloti, con Kevin Calia che ha regolato sul traguardo per un solo decimo di secondo l’altra wild-card, lo spagnolo Alex Riins (Honda). Grazie a questo secondo posto, l’imolese allunga a +12 in classifica tricolore nei confronti di Ferrari, oggi quarto.

Dopo aver lasciato strada al compagno di squadra in Mahindra, Riccardo Moretti nella gara di ieri, oggi Miroslav Popov ha vinto a mani basse, con oltre due secondi di vantaggio su Lorenzo Dalla Porta, che si laurea Campione Italiano 125 GP. A chiudere il podio è stato Moretti, che non è riuscito a sfruttare l’ottimo lavoro del compagno di squadra. Il quindicenne toscano Dalla Porta sale in vetta alla ottavo di litro nazionale dopo una stagione senza errori: due vittorie, quattro secondi e un terzo posto che l’hanno visto sempre salire sul podio (anche in condizioni fisiche difficili, come successo a Imola).

La conquista del titolo Superbike grazie ai 47 punti di vantaggio, era una pura formalità ma Matteo Baiocco (Ducati) ha voluto festeggiarlo nel migliore dei modi, guidando in modo perfetto e concludendo con quasi tre secondi il vantaggio su Lai. Per il pilota di Osimo si tratta del secondo titolo consecutivo. Alle sue spalle ha chiuso Fabrizio Lai (Ducati): il lombardo torna di nuovo sul podio anche oggi al termine di una bella rimonta con sorpasso finale su Ivan Clementi (buon terzo con la BMW ma un pò al di sotto delle aspettative dopo aver corso le prove ufficiali da vero leader), dimostrando di essersi totalmente ripreso dal problema al braccio che ha condizionato il suo 2012.

Risultati e classifiche complete su civ.tv


Articoli che potrebbero interessarti