Moto3: Morciano partirà dai box

Punzonato il 9° motore della sua Ioda, uno in più del limite previsto

Share


La regola degli otto motori per stagione in Moto3 ha mietuto la prima vittima, il team Ioda ha punzonato al Sachsenring il 9° propulsore per Luigi Morciano e l’italiano, domani, dovrà partire dalla corsia box con 10 secondi di ritardo come previsto dal regolamento. Il monocilindrico realizzato dalla squadra di Terni ha dovuto scontare qualche guaio di gioventù nelle prime gare della stagione, prima al cambio e poi alle valvole. Problemi che i tecnici sono riusciti a risolvere, ma che hanno condizionato la stagione di Gigio, come viene soprannominato il pilota di Anzio.

Va segnalato che Morciano aveva ancora un motore a disposizione per disputare il GP del Sachsenring, ma la squadra ha preferito punzonare qui il nuovo propulsore, e scontare la relativa penalizzazione, piuttosto che farlo fra una settimana al Mugello, nella gara di casa. Intanto in Italia stanno lavorando per aumentare l’affidabilità del piccolo monocilindrico e portarlo ai livelli della concorrenza.

Non è possibile però sapere con certezza se anche altri piloti sono al "limite" col numero dei motori, a meno di fidarsi della parola delle squadre, perché l'Irta, a differenza di quanto fa per la MotoGP, non fornisce la lista dei propulsori usati. E' vero che a pensar male si fa peccato, ma quasi sempre ci si prende.

Share

Articoli che potrebbero interessarti