Tu sei qui

Moto2: Marquez docente ad Assen

All'ex Università, lo spagnolo vince il duello con Iannone. De Angelis 5º

Moto - News: Moto2: Marquez docente ad Assen

Share


Il settimo appuntamento della stagione Moto2 è andato in scena nella cornice di Assen. All'ex Università delle Due Ruote, Marc Marquez è salito in cattedra conquistando la terza vittoria consecutiva – nonché terza della stagione – sul circuito olandese, un successo reso ancora più pesante dalla caduta di Espargaró. Dopo aver comandato per gran parte della gara, Andrea Iannone ha lottato con lo spagnolo negli ultimi giri ma è stato costretto ad accontentarsi della 2ª posizione, che ora occupa anche nella classifica iridata. Terzo posto – e secondo podio consecutivo – per Scott Redding.

"Abbiamo sofferto di grip, la gomma ci abbandonato sul finale – ha detto Iannone ai microfoni di Italia 1 – Poi avevamo problemi di chattering, di cui solitamente non soffriamo. Non possiamo fare i miracoli, ma il risultato è molto importante".

LA GARA – Parte bene Aegerter, che si porta provvisoriamente in testa davanti a Iannone e Marquez. Corsi mantiene la 6ª di partenza, mentre Corti tenta la rimonta portandosi 14º.  Dura poche curve la gara di Luthi, che cade coinvolgendo anche Wilairot, così come quella di Espargaró, che scivola e lascia sull'asfalto di Assen punti importanti in ottica mondiale.

Al 5º giro, Iannone tenta la fuga staccando di mezzo secondo gli inseguitori. Alle sue spalle, Redding, Marquez, Corsi, Aegerter e Smith. De Angelis è 8º, mentre Corti perde 4 posizioni e viene ricacciato fuori dalla zona punti, in 18ª posizione. Chiude lo schieramento azzuro Rolfo, 21º.

La battaglia tra Marquez e Redding, che si alternano in 2ª posizione, giova a Iannone, che incrementa il proprio vantaggio a circa 2'' a metà gara. De Angelis si porta in 5ª posizione mostrando un buon affiatamento con il telaio FTR dopo la decisione di lasciare Suter, con Corsi che non molla la presa sul gruppo in lotta per il podio ed è 6º nonostante abbia perso il codone della sua Ioda.

A 10 giri dal termine è proprio il 'poliziotto' romano ad abbandonare la corsa a causa di una scivolata. Iannone rimane saldamente al comando con 3'' di vantaggio su Marquez, che a sua volta ha piegato la resistenza di Rabat ed è in 2ª posizione solitaria.

Con pista libera davanti a sé, Marquez inanella una serie di giri sul ritmo di 1'38.7, 0.5'' più veloce di Iannone, al quale si ricongiunge a 3 giri dal termine. Lo spagnolo tenta l'affondo sul pilota SpeedUp, che risponde colpo su colpo salvo poi dover alzare bandiera bianca nelle ultime curve. Rinfrancato dal podio di Silverstone, Redding conquista il terzo posto davanti a Rabat e De Angelis.

La classifica della Moto2:

I tempi della Moto2 ad Assen

Articoli che potrebbero interessarti