Tu sei qui

Passione pista? Ecco qualche regola

Consigli utili per chi affronta il mondo del motociclismo su pista per la prima volta

Moto - News: Passione pista? Ecco qualche regola

Share


La stagione 2012 del motociclismo su pista sta per cominciare. No, non stiamo parlando del Motomondiale - con i test di Sepang a cui GPOne parteciperà - né della Superbike. Ci stiamo riferendo alla stagione di prove libere nei circuiti italiani ed europei, che permette a tutti i piloti amatori di sfogare la propria passione in pista. Una scelta responsabile di chi preferisce correre in condizioni di sicurezza e non su strade pubbliche, dove il pericolo è sempre dietro l’angolo.

Il motociclismo su pista è una disciplina sportiva, e come tale, è composta da regole da rispettare. L’accesso ai circuiti, ancora oggi, è vincolato semplicemente a chi ha una patente, una moto e il giusto abbigliamento tecnico.

Troppo poco in effetti. Perché, chi và in pista, sia amatorialmente che professionalmente, è cosciente dei rischi che questo sport comporta, per se e per gli altri. D’altronde, correre a 200 km/h non è un gioco, anche se ultimamente, sembrerebbe andare un pochino troppo di moda. Ecco allora alcune regole e comportamenti da mantenere per potersi divertire in pista in sicurezza.

CHECK-UP DELLA MOTO - Prima fra tutte, il controllo della propria moto. In pista si va al limite. Quale che sia questo limite non importa, ognuno ha il proprio. Proprio per questo motivo, bisogna essere coscienti e sicuri che tutto, sul proprio mezzo, risulti in ordine. Oltre ad un check generale delle parti soggette ad usura (come, ad esempio, il gruppo trasmissione), controllate i liquidi, fate un cambio dell’olio-motore per sicurezza e, nel caso ne sia sprovvisto il modello, dotatelo di tubi freno in treccia aeronautica. A differenza di quelli in gomma, infatti, questi per la loro natura, sono meno soggetti alle alte temperature, mantenendo un giogo della leva del freno costante. Controllate inoltre le pastiglie dei freni, che tendono ad usurarsi con maggiore rapidità nell’utilizzo della propria moto in pista.

CAPITOLO GOMME - Se siete alle prime armi e volete andare in pista, è ben difficile che riuscirete a portare al limite la vostra moto. Perchè allora dovervi dotare di gomme slick? Questa è una particolare tipologia di mescola che entra nel giusto range di temperatura solamente andando forte. La gomma, in altre parole, lavora a temperature elevate. In caso contrario, con gomma fredda, il rischio di scivolare e cadere si alza sensibilmente.

SEGNALAZIONI VISIVE - Arriva alfine il momento di scendere in pista. Il circuito non è una giungla: esistono delle regole da conoscere e rispettare. Fondamentale innanzitutto conoscere il significato delle bandiere di segnalazione:

- Bandiera verde: via libera. Possibilità di svolgere le prove in circuito

- Bandiera gialla: pericolo in pista, rallentare e divieto di sorpasso

- Bandiera rossa: sessione sospesa, obbligo di rientro in Pit-Lane ad andatura moderata

- Bandiera a strisce orizzontali gialle-rosse: diminuzione di aderenza del manto stradale

- Bandiera a scacchi: fine del turno di prove, rientrare in Pit-Lane

Vallelunga CircuitInoltre, è bene tenere a mente alcune regole non scritte da rispettare una volta che si è in pista. In questo modo eviterete comportamenti inopportuni che potrebbero rovinare una giornata di puro divertimento.

Uscendo dalla corsia box, controllate sempre che non vi siano altri piloti già in pista che stanno sopraggiungendo. In tal caso, lasciate sempre sfilare piloti più veloci di voi, anche arrestando la propria moto nella corsia di immissione. In quella posizione non darete alcun fastidio, mentre immettendovi in pista in un momento errato, potreste rischiare di dar fastidio o, peggio ancora, causare una collisione. Una volta entrati in pista, non attraversate immediatamente la sede stradale per cercare subito la traiettoria ideale. Cercate fin da subito di prendere gradualmente il vostro ritmo, senza eccedere né per un verso, né per l’altro.

Se volete rientrare ai box prima della fine di un turno, per un qualsiasi motivo, cercate di mantenere un’andatura consona fino all’immissione nella pit-lane. E’ del tutto inutile e pericoloso rallentare in maniera eccessiva nel giro di rientro. Ricordiamoci che la pista è un luogo dove i ritmi e le velocità sono differenti rispetto alla strada, e l’eccessivo differenziale di velocità tra due o più persone può portare a incomprensioni e, conseguentemente, possibili inconvenienti . E’ importante segnalare, con un braccio o con la gamba, il vostro rientro ai box. Solitamente è un gesto esplicito che viene fatto percorrendo la curva antecedente l’immissione in pit-lane. In questo modo, chi vi segue, può prendere le giuste contromisure in termini di velocità e traiettoria da seguire.

Situazione: un vostro compagno è appena caduto in pista. Non fermatevi per alcun motivo per accertarvi delle sue condizioni. Il soccorso e le emergenze in pista sono gestite in maniera professionale dai commissari. Fermandovi nel luogo dell’incidente creereste solamente un pericolo in più per voi e per chi sta sopraggiungendo.

Non cambiate mai improvvisamente traiettoria, soprattutto in curva. Ricordatevi sempre che in pista non siete soli e se qualcuno dietro a voi è più veloce, sicuramente troverà il modo migliore per sorpassarvi. Sarà lui a decidere quale traiettoria utilizzare per sopravanzarvi, ma per farlo, deve essere conscio che voi non farete alcuna manovra azzardata.

Evitate di andare in giro in gruppo lentamente. Non ha senso affrontare una curva uno di fianco all’altro per ricreare una sorta di “bagarre” e poi percorrere un rettilineo in gruppo, magari parlandovi o attendendo altri. E’ una prassi da evitare nel modo più assoluto: primo perché blocchereste il passaggio a qualcuno più veloce che arriva dietro di voi, secondo perché cosi non imparereste nulla. Volete imparare veramente a correre in pista? Bene, prendete il vostro ritmo, e chiedete a qualcuno di insegnarvi le giuste linee da tenere.

Tutto chiaro? Non resta che ora che, sistemare la propria moto, preparare l’attrezzatura tecnica, prenotare i primi turni di questa stagione 2012 e godervi la vostra giornata in pista.

Articoli che potrebbero interessarti