Loris: lunedì inizierà una nuova vita

Lorenzo e Stoner salutano Loris, un casco e una tuta speciali per l'ultimo Gran Premio

Share


Capirossi e Stoner si abbracciano davanti alla Honda 125 con cui Loris conquistò il suo primo titolo mondiale 21 anni fa. Capirex sorride, poi gli dice “tu eri ancora un bambino quando ho iniziato a correre”, gli sembra impossibile e anche a tutti quelli che sono venuti a salutare l’eterno ragazzo del motomondiale. Domani partirà per la 328° gara della sua carriera e oggi raccoglie l’abbraccio di tutti quelli che l’hanno accompagnato in questa sua strada. “Le cose iniziano e finiscono – dice Loris – lunedì per me inizierà una nuova vita”.

Shuei Nakamoto, il vice presidente di HRC, gli consegna una targa per ricordare le vittorie e i titoli mondiale conquistati con le moto della Casa dell’ala Dorata. Era stato lui a disegnare il telaio di quella 125 con cui l’imolese salì nel 1990, per la prima volta sul tetto del mondo. Qualcuno ha anche pensato che fosse un regalo per Loris (come i colleghi di Crash.net) ma il collezionista che l'ha messa a disposizione l'ha naturalemente riportata nel suo garage.

Il casco che indosserà Capirossi nella sua ultima garaE’ impossibile ricordare tutte le avventure di Capirossi, ha cercato di farlo con il casco che indosserà domani. La Ducati Desmosedici, l’Aprilia 250, le Honda 500, 250 e 125, la Suzuki si inseguono sulla calotta e ad ognuna rappresenta un ricordo, una sfida, un’emozione unica che Loris conserverà per sempre nel suo cuore.

Anche Jorge Lorenzo ha voluto salutare il decano delle corse, gli porge un suo casco, si abbracciano per le foto. Negli occhi quella stessa allegria e quella grinta che non lo hanno mai abbandonato in tanti anni che non si possono ridurre ai soli numeri delle vittorie, delle pole position, dei giri veloci.

Domani farà i suoi ultimi giri da pilota, sulla tuta bianca porterà i colori dell’iride e l’oro riservato ai campioni, sulla carena avrà il numero 58. “Spero di fare una grande gara, Marco se la merita” dice emozionato.

Ancora un giorno e poi il pilota diverrà leggenda.

Share

Articoli che potrebbero interessarti