Tu sei qui

SBK: Checa imbattibile!

Lo spagnolo recupera in modo incredibile su Guintoli e vince. Biaggi è 4°


Sembra che dovesse vincere un'altra Ducati - a simbolo della atmosfera cambiata a Borgo Panigale - ma Carlos Checa ha voluto ribadire la supremazia della 1198 del team Althea vincendo in modo perentoria la sua quindicesima gara della stagione. Sylvain Guintoli si era illuso di poter vincere la gara portoghese ma si è dovuto arrendere al ritorno dello spagnolo.

Max Biaggi è partito benissimo ma non ha potuto recuperare oltre la quarta posizione.  Il Corsaro ha riconquistato la terza posizione in campionato superando Laverty, costretto al ritiro.

GUINTOLI FA L'ANDATURA - Jonathan Rea è il più veloce alla partenza seguito da Melandri e da un sorprendente Guintoli che in questa gara sembra essere tornato nella migliore forma. Al terzo giro è proprio il francese con una bella staccata su Rea a passare in testa e cercare di allungare il passo. Il pilota della Honda, Melandri e Checa non si lasciano sorprendere e rimangono in contatto con il leader. Max Biaggi autore di una partenza a razzo al primo giro è ottavo (era diciassettesimo in griglia) e dal quinto giro comincia a recuperare.

Laverty è autore di un pericoloso fuoripista, forse a causa di un problema tecnico, e prende la via dei box.

LA DUCATI ALLUNGA - Ad un terzo di gara è sempre Sylvain Guintoli (Ducati) a guidare il gruppo con un leggero margine (destinato ad aumentare) sempre su Rea, Melandri e Checa che seguono nell'ordine. Biaggi è ora in sesta posizione e Badovini in nona. Michel Fabrizio recupera lentamente posizioni e transita in undicesima mentre il debuttante Davide Giugliano fa una errore mentre era 15° e scende in diciannovesima. Un fuori pista di Camier fa scivolare la seconda Aprilia ufficiale al 18° posto.

Portimao Gara 1CHECA ACCELERA - A metà corsa Checa supera Melandri e passa in terza posizione, lanciandosi in una rimonta: al tredicesimo giro lo spagnolo è a un secondo e mezzo da Guintoli. Biaggi viaggi in solitario al sesto posto, mentre alle sue spalle Haslam, Sykes, Haga, Badovini e Berger sono il lotta per il settimo.

Guintoli non si fa impressionare e "risponde" al campione del mondo  riportando il vantaggio sui due secondi. Un'altra Ducati viene avanti ed è quella del giovane Berger che al 15° passa in settima posizione superando di slancio tutte le quattro cilindri che lo precedevano.

INARRESTABILE CARLOS - Nel finale Checa recupera tre decimi al giro su Guintoli ma il vantaggio del francese sembra incolmabile (un secondo a quattro giri dal termine). Lo spagnolo non demorde e continua ad attaccare. La stessa cosa fa un suo connazionale, Joan Lascorz che supera Melandri (autore successivamente di un fuoripista) e passa al quarto posto. Biaggi è sesto e si trova alle spalle del ravennate che supera al ventesimo giro.

Ormai Checa è alle spalle di Guintoli e nel corso del ventesimo passaggio passa in testa andando a vincere la quindicesima gara della stagione. Alle sue spalle il francese e staccato Rea. Biaggi arriva ai piedi del podio precedendo Lascorz e Melandri. Badovini cala nel finale e finisce tredicesimo dietro a Fabrizio (11°). Giugliano arriva appena fuori dalla zona punti (16°).

Articoli che potrebbero interessarti