Tu sei qui

Jarvis: non escludo ordini di scuderia

Spies potrebbe essere rallentato per favorire Lorenzo nelle ultime gare


Lorenzo non ha ancora gettato la spugna e la sua ammissione della superiorità di Stoner potrebbe essere solo parte di una tattica. O almeno è quello che spera Lin Jarvis, responsabile Yamaha Motor Racing, che ha dichiarato a Motor Cycle News di essere pronto a dare ordini di scuderia a Spies per favorire ilo spagnolo nelle ultime gare. Il distacco di Jorge da Casey è di 44 punti quando mancano quattro gare alla fine del campionato, un vantaggio importante ma non incolmabile in uno sport dove l’imprevisto è sempre dietro l’angolo.

La cosa importante è che la squadra vinca – ha detto Jarvis – e noi diamo il massino supporto ai nostri piloti. Se poi uno è matematicamente fuori dai giochi e l’altro no, penso sia accettabile aiutarlo”. Nulla è ancora stato deciso “ma spero – ha continuato il manager – di essere ancora in lotta per il titolo nelle ultime due gare e vedremo cosa bisognerà fare in quel momento”.

Jarvis è convinto che una decisione del genere non dispiacerebbe neanche a Ben: “penso che i due sia in ottimi rapporti quest’anno, non sono in lotta diretta in classifica e l’armonia che c’è fra loro potrebbe essere un vantaggio”.

Spies però non sembra della stessa idea, come ha spiegato al sito inglese: “per me non ci sono ordini di scuderia, l’avete visto a Indianapolis quando ho superato Jorge. Non mi piacerebbe vincere un campionato perché qualcuno mi ha lasciato batterlo. Comunque non mi è stato detto niente e non penso di cambiare la mia condotta di gara, cercherò di sorpassare chiunque mi sia davanti.

Articoli che potrebbero interessarti