Tu sei qui

Stoner papà e (forse) va a Motegi

Dietro front sul Giappone: "quando ho detto no, Adriana mi aveva appena dato la notizia"

Share


Una cicogna è in viaggio e punta verso l’Australia, Stoner ha dato ufficialmente la lieta notizia oggi, durante la conferenza stampa di presentazione del Gran Premio di Brno. “Adriana è incinta ha annunciato, visibilmente emozionato e felice, cercando lo sguardo della compagna, con cui si è sposato nel gennaio 2007, l’anno in cui vinse il Mondiale in MotoGP. L’allargamento della famiglia potrebbe essere salutato dallo stesso risultato, considerando quello che ha fatto vedere nella prima parte di questa stagione.

L’annuncio di Stoner è però arrivato in risposta a tutt’altra domanda, ben meno allegra: la posizione dei piloti sul Gran premio di Motegi dopo i risultati dello studio condotto dall’Arpa. “Quando ho detto che non sarei andato in Giappone ero in un periodo particolare, di forte emozione – ha spiegato il pilota della Honda – Adriana mi aveva appena rivelato di aspettare un bambino e ho subito pensato alla salute mia e della mia famiglia”. Passata qualche settimana e dopo un periodo di vacanza, Casey è adesso più possibilista: “continueremo a parlare del problema nelle prossime settimane – ha aggiunto – raccoglieremo maggiori informazioni e poi decideremo. Per ora, non dico né che andrò né che non andrò”.

Stoner non è l’unico ad avere fatto marcia indietro sui propositi per Motegi, anche Lorenzo, dopo avere più volte dichiarato la sua assoluta contrarietà, ora prende tempo. “Negli ultimi giorni ero in vacanza e ho staccato completamente la spina -  ha dichiarato lo spagnolo – ed ora voglio concentrarmi solo sulla gara. Prenderò la decisione definitiva nelle prossime settimane”.

È indubbio che le case giapponesi non hanno nessuna intenzione di perdere il proprio gran premio di casa e le pressioni sui propri piloti stanno incominciando a sortire qualche effetto. “La Suzuki spinge per andare – ha ammesso Bautista – domani  ne parleremo insieme in Safety Commision”. È difficile però che dalla riunione di domani esca una risposta definitiva, come traspare anche dalle parole di Valentino Rossi: “penso si debba aspettare ancora un po’, questa è una decisione che non coinvolge solo i piloti, ma tutti quelli che lavorano nel paddock”.

Che qualcosa si fosse incrinato sul fronte del no, l’aveva anticipato Andrea Dovizioso prima della conferenza stampa. “La riunione è fissata per domani pomeriggio, vedremo se tutti confermeranno la propria posizione” era stato il dubbio espresso dall’italiano. Neanche Capirossi si era sbilanciato: “al momento mi mantengo neutrale”.

Insomma, Motegi, che sembrava stare scomparendo a furor di popolo dal calendario, si sta di nuovo riaffanciando prepotentemente. E questa volta sarà difficile che scompaia un'altra volta.

Share

Articoli che potrebbero interessarti