Stoner: non ho il passo di Lorenzo

L'australiano rallentato dalla caduta di Spies non si sente al al 100%

Share


Casey Stoner e Dani Pedrosa sono separati da solo un decimo di secondo e partiranno dalla seconda e terza casella della prima fila. Casey è stato rallentato nel suo primo tentativo di giro veloce dalla caduta di Spies e l’esposizione di bandiere gialle. Ma egualmente non è completamente soddisfatto della messa a punto della sua Honda.

Pedrosa confida in una delle sue partenze velocissime per affrontare al meglio la lunga gara, che metterà a dura prova il suo fisico.

"Per tutto il turno abbiamo cercato la giusta messa a punto - ha spiegato il pilota australiano - E’ tutto il fine settimana che stiamo faticando un po’ e ancora non abbiamo trovato un set up con cui mi sento a mio agio. Mi si è chiuso molte volte il davanti e stiamo ancora cercando un giusto compromesso della moto su questa pista. Non sono riuscito a sfruttare al meglio la prima gomma morbida perché ho incontrato un po’ di traffico, c’era anche un incidente  con esposizione di bandiera gialla. Con la seconda, abbiamo trovato il ritmo al primo giro, aggiudicandoci la prima fila, un piazzamento importante per la corsa. Non sento di avere il passo di Dani e Jorge che sembrano girare almeno uno o due decimi più veloci. Vogliamo sfruttare al meglio il warm up domani per migliorare un po’ il passo gara”.

"A fine turno non siamo riusciti a migliorare come avrei voluto - gli ha fatto eco Pedrosa - Abbiamo provato vari set up, ma purtroppo non ne abbiamo trovato uno particolarmente giusto. Partire dalla prima fila è sempre molto importante e così ci siamo anche oggi. Mi sentivo più a mio agio con le gomme dure e questo è positivo perché le utilizzeremo in gara, ma domani abbiamo bisogno di fare un altro passo in avanti e trovare un po’ più grip posteriore.  Lorenzo sembra molto veloce e costante, così stasera con i miei meccanici conto di trovare quel qualcosa in più per poter lottare per un bel risultato. La gara sarà molto veloce e lunga così dovremo restare concentrati e forti fino alla fine. Fisicamente la distanza di gara sarà molto impegnativa, ci sono molte buche e  occorre prestare la massima attenzione per evita re errori. Farò del mio meglio per spingere forte fino alla fine”.

Articoli che potrebbero interessarti